rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Cronaca Amalfi

Frana ad Amalfi, famiglie sgomberate e disagi. L'ex sindaco: "La Procura indaghi sui lavori"

Uomini e mezzi di Anas e vigili del fuoco hanno lavorato intensamente per liberare l'imbocco della galleria "Matteo Camera" e valutare come procedere. C'è ancora tanto da fare e non è escluso che la Costiera possa rimanere divisa in due per alcuni mesi

La Costiera Amalfitana è tornata a sbriciolarsi sotto i colpi di un dissesto idrogeologico che, specie negli ultimi anni, si è accanito con terribile frequenza sulla Divina, come è soprannominato questo territorio dichiarato patrimonio dell'umanità dall'Unesco. A cedere oggi, alle 9,30, è stato un costone del rione San Biagio nel comune di Amalfi: impregnato dalle abbondanti piogge degli ultimi giorni e' precipitato proprio nel giorno in cui era spuntato il primo sole primaverile.

La paura

Una valanga di fango e roccia, preceduta da un boato, si è abbattuta con violenza sulla Statale 163 Amalfitana, facendo crollare metà carreggiata della principale strada di collegamento della Costiera Amalfitana per fortuna senza fare vittime. I detriti hanno proseguito la loro corsa senza freni arrivando sul sottostante lungomare dei Cavalieri e finendo per danneggiare strutture e vetture che si trovavano in quell'area. Uno scenario che ha fatto temere il peggio. Con il passare delle ore, però, la speranza di poter escludere che vi fossero persone coinvolte nella frana è diventata certezza. In mattinata, invece, i caschi rossi avevano tratto in salvo con l'elicottero tre persone che erano rimaste bloccate in un'abitazione che affaccia sul costone roccioso franato. Uomini e mezzi di Anas e vigili del fuoco hanno lavorato intensamente per liberare l'imbocco della galleria "Matteo Camera" e valutare come procedere. Soltanto al termine di queste attività, infatti, la società che gestisce l'arteria potrà programmare i lavori urgenti, verificare i danni subiti dall'infrastruttura e stabilire quanto necessario per il ripristino del piano viabile. Prima, però, bisognerà mettere in sicurezza il costone. Il rischio, dunque, e' che la Costiera Amalfitana resti spezzata in due per diversi mesi.

La nuova viabilità 

"Difficile, se non impossibile, capire per quanto tempo resterà chiusa la Statale", ha spiegato il sindaco Daniele Milano che èstato contattato dagli operatori marittimi per organizzare collegamenti via mare. Gia' oggi, infatti, gli studenti sono rientrati a casa con alcune imbarcazioni. Al momento i veicoli provenienti da Positano e diretti ad Amalfi vengono deviati sulla ex 366 Agerolina (Valico di Chiunzi), e i veicoli provenienti da Vietri sul Mare o da Maiori in direzione Amalfi vengono deviati sulla viabilita' provinciale ex 373 di Ravello.

La polemica

Non mancano le polemiche: "Quel tratto di costone era gia' stato interessato due anni fa da lavori di consolidamento. Spero che la Procura ora indaghi per capire come siano stati condotti questi lavori visto quello che e' successo stamattina". e' l'affondo di Antonio De Luca, ex sindaco di Amalfi ed ora consigliere di opposizione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana ad Amalfi, famiglie sgomberate e disagi. L'ex sindaco: "La Procura indaghi sui lavori"

SalernoToday è in caricamento