menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La frana ad Amalfi

La frana ad Amalfi

Frana in Costiera, il sindaco di Minori: "Al via il Progetto Pilota per la mitigazione dal rischio idrogeologico"

Reale prende posizione e annuncia l'avvio della mappatura del territorio dopo il drammatico cedimento verificatosi, ieri mattina, nel comune di Amalfi

 “Mapperemo ben 6.7 kmq di territorio su Minori e realizzeremo più azioni in contemporanea: studi geologici e geomorfologici per migliorare la qualità della vita, la sicurezza, tutelare il patrimonio ed il turismo”. Lo ha annunciato il sindaco di Minori Andrea Reale dopo la drammatica frana verificatasi, ieri mattina, ad Amalfi, che sta provocando non pochi disagi in Costiera Amalfitana.  

I controlli sul territorio 

Per il primo cittadino la Diviva “mitiga anche il rischio idrogeologico”.  “Reputo di grande livello e corretto l’appello lanciato ieri dal Distretto Turistico della Costiera Amalfitana all’unità per tutelare il patrimonio ambientale – ha continuato Reale -  e naturalistico della Costiera Amalfitana. Deve partire un tavolo tecnico che metta al centro in senso ampio la programmazione e la pianificazione della Costiera Amalfitana dalla mobilità alla manutenzione”. Di qui la conferma: “A Minori, dunque parte in modo concreto il Programma di Collaborazione con l’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale. Avremo più azioni in contemporanea: da una parte l’analisi dei fenomeni franosi con una corretta definizione degli scenari di rischio dall’altra indagheremo su un’area di studio di ben 6,7 Kmq. Metteremo in campo tutte le attività necessarie anche alla gestione del rischio idrogeologico. Si tratta di un programma che viene attivato per la prima volta, ampio ed in grado di migliorare la tutela dell’economia locale basata sul turismo. Ha preso il via l’attuazione dell’Accordo di Collaborazione stipulato tra l’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale e il Comune di Minori, teso a dare risposte al pressante problema del rischio idrogeologico. Siamo dinanzi ad un innovativo Programma tecnico operativo che prevedrà rilievi dei corsi d’acqua e delle opere idrauliche, una carta geomorfologica del territorio ed una carta geologica e idrogeologica del territorio. Puntiamo con fermezza ad una mappatura per una conseguenziale realizzazione della messa in sicurezza dell’intero territorio” conclude Reale. 

L'annuncio di De Luca 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento