Cronaca

Frana Mingardo, Scarpitta: "Nuovi interventi, gli esperti potrebbero usare l'esplosivo"

Il sindaco del comune cilentano prende posizione e conferma l'attenzione dell'amministrazione rispetto alla messa in sicurezza del costone roccioso

La frana

Dopo la caduta di una parte del costone roccioso a ridosso della strada regionale 562 che costeggia la Cala del Cefalo e la spiaggia del Mingardo a Marina di Camerota, il sindaco Mario Salvatore Scarpitta ribadisce: “In tempi non sospetti, nel mese di marzo scorso, ci siamo mossi e abbiamo convocato un tavolo tecnico con la Sovrintendenza, con la Regione, con la Provincia e con il Genio Civile. Abbiamo incontrato gli Enti sovracomunali in Prefettura, a Salerno, per verificare tutte le zone di pericolo e abbiamo anche chiesto un intervento rapido e risolutivo per sanare le aree che ci portano maggiore preoccupazione”.

L’annuncio

Non solo. Il primo cittadino conferma che, a breve, saranno svolti nuovi sopralluoghi: “Al termine di questa stagione estiva ci saranno i primi interventi. Gli esperti potrebbero anche optare per l’utilizzo dell’esplosivo, come già avvenuto qualche anno fa. Verranno messe in sicurezza le volte delle gallerie e altri tratti. Tutti i giorni ci interfacciamo e sollecitiamo gli Enti a dare giuste risposte – conclude Scarpitta - ne abbiamo prova attraverso documenti e posta certificata”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana Mingardo, Scarpitta: "Nuovi interventi, gli esperti potrebbero usare l'esplosivo"

SalernoToday è in caricamento