Cronaca

Fritture di pesce in cambio di voti: De Luca non va a processo

Per lui decade l’accusa di istigazione al voto di scambio, scaturita a seguito del suo discorso all’hotel Ramada di Napoli, a pochi giorni dal referendum e rivolto ad alcuni amministratori locali del Pd, tra i quali l’ex sindaco di Agropoli Franco Alfieri

Vincenzo De Luca non sarà processato per la famosa frase sulla “frittura di pesce”. Per lui decade l’accusa di istigazione al voto di scambio, scaturita a seguito del suo discorso all’hotel Ramada di Napoli, a pochi giorni dal referendum e rivolto ad alcuni amministratori locali del Pd, tra i quali l’ex sindaco di Agropoli Franco Alfieri.

A quest’ultimo, infatti, chiese di portare a votare per il Sì la metà dei suoi concittadini, 4 mila persone su 8 mila. “Li voglio vedere in blocco, armati, con le bandiere andare alle urne a votare il Sì - disse De Luca - Franco, vedi tu come Madonna devi fare, offri una frittura di pesce, portali sulle barche, sugli yacht, fai come cazzo vuoi tu, ma non venire qui con un voto in meno di quelli che hai promesso” . E ancora: “In questo momento abbiamo un’interlocuzione privilegiata con il governo. Poi vi piace Renzi non vi piace Renzi a me non me ne fotte un cazzo. Noi non abbiamo mai avuto un accidente di niente, né coi governi di centrodestra, né di centrosinistra. Abbiamo fatto una chiacchierata con Renzi. Gli abbiamo chiesto 270 milioni di euro per Bagnoli e ce li ha dati. Altri 50 e ce li ha dati. Mezzo miliardo per la Terra dei fuochi e ha detto sì: lui era terrorizzato per la reazione della Lega ma alla fine ce l’ha dato, nonostante la Ragioneria e De Vincenti. Abbiamo promesse di finanziamenti per Caserta, Pompei, Ercolano, Paestum. Sono arrivati fiumi di soldi: 2 miliardi e 700 milioni per il Patto per la Campania, altri 308 per Napoli, nonostante qualche squinternato. Ancora 600 milioni per Napoli. Che dobbiamo chiedere di più?”.

Frasi che, tramite il Fatto Quotidiano, hanno fatto il giro del web provocando un’aspra polemica politica sul modus operandi del governatore. Ieri, però, il pm del tribunale di Napoli Stefania Buda ha avanzato la richiesta di archiviazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fritture di pesce in cambio di voti: De Luca non va a processo

SalernoToday è in caricamento