Cronaca

Stroncato da malore sul treno, gli rubano la fede: l'appello della figlia

Il convoglio si è fermato a Capaccio Paestum per consentire ai sanitari del 118 di intervenire. Ma, purtroppo, è stato tutto inutile

Mistero a Capaccio Paestum, dove sarebbe stata rubata la fede all’uomo di 69 anni che, lo scorso 17 giugno, è stato stroncato da malore mentre era a bordo di un treno diretto da Napoli a Cosenza. Il convoglio si è fermato nella Città dei Templi per consentire ai sanitari del 118 di intervenire. Ma, purtroppo, è stato tutto inutile. Il passeggero, originario di San Giorgio a Cremano, è deceduto. Ora, però, la fede che portava al dito è scomparsa.

Lo sfogo

A denunciarlo sui social è la figlia Rossella: “Se qualcuno è in possesso di questo anello semplice ma dall'enorme valore affettivo vi chiedo di farcelo recapitare anche in forma anonima.So che non accadra' perché probabilmente la coscienza umana avrebbe già dovuto muovere ad un tale gesto ma devo comunque provare a dare sollievo a mia madre, cosa che la tua coscienza non avrà mai !!!!!!!!!!

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroncato da malore sul treno, gli rubano la fede: l'appello della figlia

SalernoToday è in caricamento