Furto di pigne ad Aquara: denunciati tre stranieri

Gli stranieri avevano sottratto poco prima le pigne in località Mainardi. Sono stati denunciati per furto aggravato

Sono stati sorpresi dai carabinieri dopo aver caricato su un'auto 180 kg di pigne, sottratte poco prima da una pineta in località Mainardi. Sono finiti nei guai tre magrebini: a beccarli, i militari della compagnia di Agropoli, diretta dal Capitano Francesco Manna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il blitz

I carabinieri della Stazione di Aquara, ieri pomeriggio, hanno pizzicato e denunciato per furto aggravato, tre magrebini di 44, 42 e 33 anni, residenti a Capaccio Scalo. La refurtiva veniva prontamente recuperata e restituita al proprietario del terreno. Proseguono, intanto, i controlli da parte dei carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: più smart working e nuova stretta sui ristoranti, possibile freno alle palestre

  • Covid-19: i contagi superano quota 200 in provincia, due bimbi positivi a Salerno e 2 casi a Baronissi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento