Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Ruba un telefonino e scappa sugli scogli: magrebino, ricercato, arrestato dai poliziotti

Era già destinatario di un ordine di esecuzione di 1 anno e 2 mesi di reclusione da scontare in carcere per tentata violenza sessuale e false dichiarazioni sull’identità personale

Un uomo di origine magrebina, che poi i poliziotti hanno scoperto essere ricercato per un ordine di esecuzione di 1 anno e 2 mesi di reclusione da scontare in carcere per tentata violenza sessuale e false dichiarazioni sull’identità personale, è stato inseguito sugli scogli del porto turistico di Salerno e arrestato.

I dettagli

L'uomo, un ladro in fuga, è stato bloccato dopo una segnalazione. Una minorenne ha fatto scattare l'allarme: le era stato rubato il telefono cellulare e tramite il gps lo aveva localizzato in Piazza della Concordia. La ragazza ha così deciso di farlo squillare. Al primo squillo, ha individuato il giovane magrebino con il telefono tra le mani. Vistosi scoperto, il ladro ha tentato la fuga. Con l'aiuto delle torce, gli agenti hanno iniziato a cercarlo tra gli scogli e lo hanno trovato tra gli scogli delle dighe foranee del porto, dove cercava di nascondersi. Il telefonino non è stato ritrovato, ma la testimonianza della ragazza ha consentito comunque di denunciare il 47enne per ricettazione. In manette, invece, per gli altri reati che gli erano stati precedentemente contestati.



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba un telefonino e scappa sugli scogli: magrebino, ricercato, arrestato dai poliziotti

SalernoToday è in caricamento