Cronaca

Progetto di Cooperazione Transnazionale: la presentazione del “Gal Colline Salernitane”

Fanno parte dell’accordo di cooperazione il GAL Partenio con funzioni di capofila, il GAL Colline Salernitane, GAL Casacastra, il GAL Cilento Rigenerato, il GAL Serinese Solofrana, il GAL Terre Protette; inoltre, il progetto VoT a carattere transnazionale, vede la partecipazione anche di un GAL Francese, Othe Armanc

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Si terrà sabato 10 luglio, alle ore 10,30, presso la sede del GAL Colline Salernitane a Giffoni Valle Piana, area PIP, sede del GAL, la cerimonia di presentazione del progetto di cooperazione transnazionale denominato VoT, “Villages of Tradition”, il cui obiettivo generale mira al consolidamento ed all’ampliamento dell’offerta turistica dei villaggi locali, attraverso il proseguimento e il rafforzamento dell’azione comune di valorizzazione e promozione del patrimonio, della cultura rurale e dell’offerta di accoglienza.  

Alla conferenza stampa di presentazione presenzieranno: Antonio Giuliano, Presidente del GAL Colline Salernitane ed Eligio Troisi, Coordinatore e responsabile per i progetti di cooperazione. Sono stati inoltre invitati On. Franco Picarone Presidente Commissione Bilancio Regione Campaniail Dirigente dell’UOD Territoriale Salerno dott. Giuseppe Gorga la Responsabile LEADER dell’UOD Salerno dott.ssa Rosanna Lavorgna. Giunto al secondo ciclo di programmazione, il progetto VoT punta sulla valorizzazione storico culturale dei centri che rientrano nel territorio del GAL, sono già inseriti nella rete: il Borgo diTerravecchia a Giffoni Valle Piana, Castiglione del Genovesi, Sieti di Giffoni Sei Casali, ma l’obiettivo e di allargare a tutti i comuni la rete dei Villaggi della Tradizione. Fanno parte dell’accordo di cooperazione il GAL Partenio con funzioni di capofila, il GAL Colline Salernitane, GAL Casacastra, il GAL Cilento Rigenerato, il GAL Serinese Solofrana, il GAL Terre Protette; inoltre, il progetto VoT a carattere transnazionale, vede la partecipazione anche di un GAL Francese, Othe Armance.  

"lI progetto punta ad organizzare un’offerta territoriale integrata capace di rivolgersi alla domanda turistica organizzata ed in grado di soddisfare e di accogliere in maniera efficiente un target selezionato di turisti, prevalentemente alla ricerca di esperienze autentiche". Afferma il Coordinatore del GAL Colline Salernitane, Eligio Troisi, che sottolinea: "Questa tipologia di turisti potrà conoscere e apprezzare realmente le opportunità offerte dal territorio, in termini di bellezze e ricchezze naturali, ambientali e culturali, ma anche agroalimentari". "Nella piena condivisione con i partner aderenti, il progetto "Villages of Tradition" ha come suo obiettivo generale il consolidamento e l’ampliamento dell’offerta turistica dei villaggi locali, attraverso il proseguimento ed il rafforzamento dell’azione comune di valorizzazione e promozione del patrimonio e della cultura rurale". Spiega il Presidente del GAL Colline Salernitane, Antonio Giuliano,che aggiunge: "Si tratta di un progetto che mira a tracciare nuovi ambiti tematici di promozione delle produzioni di eccellenza e dei contesti culturali dei villaggi, attraverso azioni innovative; ma non solo, uno degli obiettivi principali è quello di realizzare attività di comunicazione mirate ed innovative". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto di Cooperazione Transnazionale: la presentazione del “Gal Colline Salernitane”

SalernoToday è in caricamento