rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca Salvitelle

Genova e Salvitelle piangono Vincenzo Spera: in tanti ai funerali, il ricordo commosso del fratello

Una gran folla si è radunata nella Basilica di Carignano a Genova, la stessa che anni fa aveva accolto la salma di Fabrizio De Andrè, per il funerale del celebre promoter musicale, fondatore e direttore di "Duemila Grandi eventi" e presidente di AssoMusica, scomparso martedì, investito da un motorino

Musica sacra in Chiesa affidata a una voce femminile a un flauto e all'organo e musica rock sul sagrato per l'ultimo saluto alla bara dell'impresario salernitano Vincenzo Spera, originario di Salvitelle ma da anni residente in Liguria. Ieri pomeriggio una gran folla si è radunata nella Basilica di Carignano a Genova, la stessa che anni fa aveva accolto la salma di Fabrizio De Andrè, per il funerale del celebre promoter musicale, fondatore e direttore di "Duemila Grandi eventi" e presidente di AssoMusica, scomparso martedì, investito da un motorino. 

I partecipanti

Tanti i genovesi di ogni età: giovani e anziani cresciuti musicalmente partecipando agli innumerevoli concerti di grandi star e di celebri band portati a Genova da Spera. Tante le corone di fiori che hanno accompagnato la bara. C'era una folta rappresentanza della politica con il governatore Giovanni Toti, il sindaco di Genova Marco Bucci, il vicesindaco Picciocchi. E poi i deputati Ilaria Cavo e Mario Tullo e altri esponenti della politica locale. E c'erano anche rappresentanti della cultura locale, come il sovrintendente del Carlo Felice (dove è stata esposta la salma da ieri) Claudio Orazi e il direttore artistico Pierangelo Conte, il sovrintendente del teatro Sociale Giuseppe Acquaviva e il direttore artistico del Politeama Genovese Danilo Staiti. 

Il ricordo del fratello

Spera era arrivato a Genova nel 1974 ed era legatissimo alla città di adozione. Un feeling reciproco: "Vincenzo - ha ricordato suo fratello in un breve intervento - era innamorato di Genova. Era una persona che amava e sapeva amare. Ha creato una bellissima famiglia. E' un orgoglio per me averlo avuto come fratello. Ho la sua stessa voce, ma non ho la sua cultura, le sue capacità" Un manager di grande abilità, insomma, ma nello stesso tempo, una persona di profonda umanità che ha lasciato un segno in molti dei presenti: non solo la famiglia stretta, la moglie e i due figli, ma tutti i parenti, gli amici e i musicofili che seguivano la sua attività. 

La curiosità

Il Comune di Salvitelle ha pubblicato, sul suo profilo Facebook, una foto dei funerali con scritto: "Buon viaggio. Ciao Enzo dalla tua Salvitelle" 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Genova e Salvitelle piangono Vincenzo Spera: in tanti ai funerali, il ricordo commosso del fratello

SalernoToday è in caricamento