menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nocera Inferiore: il M5S sulla gestione dei rifiuti

"Negli ultimi 3 anni - spiegano alcuni attivisti - pare che in merito alla gestione rifiuti nella nostra città siano accaduti molti fatti, di cui pochi, però, portati a compimento"

Il Movimento 5 stelle di Nocera Inferiore punta l'attenzione sul sistema di gestione dei rifiuti. "Negli ultimi 3 anni, pare che in merito alla gestione rifiuti nella nostra città siano accaduti molti fatti, di cui pochi, però, portati a compimento - spiegano alcuni attivisti - Con il vecchio assessore ci si poneva l'obiettivo Rifiuti Zero, si era avviato un ciclo di controlli sul territorio, si stava avviando un gruppo di Volontari Cittadini che dovevano essere sentinelle e nel contempo furono distrutte le isole ecologiche interrate dicendo che non potevano essere recuperate o trasformate".

"Successivamente - continuano dal M5S - con l'arrivo del nuovo dirigente della Nocera Multiservizi, si è ricominciato a parlare di un nuovo Piano Industriale dei Rifiuti, tanto da arrivare, negli ultimi mesi, ad incontri con alcune parti sociali della città che, riunitesi in coordinamento, hanno fatte delle osservazioni e proposte in merito, fermo restando la necessità di avviare, quanto prima possibile, la raccolta porta a porta in tutta la città. A quanto risulta - incalzano - non solo non si è dato riscontro alle ultime osservazioni, ma l’amministrazione sembra aver chiuso lo spazio che si era aperto di confronto e condivisione e che poteva evitare gli errori del passato, avviando così, finalmente, un percorso ecologico e virtuoso della gestione dei rifiuti".

"Premesso ciò - affondano dal M5S - le uniche due cose, che abbiamo appreso, da avvisi pubblici, sembrano essere la ricerca di due figure laureate da impiegare all’interno della società Nocera Multiservizi, fermo restando la necessità di rivedere l'organigramma, e la delibera che annuncia un bando per impianti e/o strutture definite Eco-Compattatori o meglio conosciute come macchine mangia rifiuti, in questa fattispecie di Plastica ed Alluminio. A quanto pare, per la prima azione, l’avviso della Multiservzi, è arrivata anche la diffida da Parte del Consorzio di Bacino Salerno 1 secondo il quale, facendo riferimento ad una recente legge regionale,  non si possono fare assunzioni nell’ambito dei servizi di gestione dei rifiuti, se prima non si procede al reimpiego del personale dei Consorzi di Bacino della Regione Campania. Per la seconda, quella riguardante gli Eco-Compattatori, sembra che, al di là dei pareri di natura Tecnica, Contabile e Consultiva, non si sia tenuto conto di quanto già in programma e finanziato, stia mettendo in campo l'Ufficio Ecologia, in merito ad un'Isola Ecologica itinerante e l'approntamento di un sistema di premialità con schede e punteggi, al quale, facendo una semplice riflessione, questo sistema pare faccia addirittura concorrenza. A questo punto ci chiediamo quali siano le reali intenzioni dell'amministrazione, che uscita dalla S.E.T.A. per gestire in house, in maniera virtuosa e condivisa i rifiuti del proprio territorio, rendendoli così anche fruttuosi, oggi si avvia a parzializzare il sistema con gestioni ancora una volta private, deconcentrandosi da quello che dovrebbe essere l’obiettivo principale ed estendere il porta a porta in tutta la città. Restando in attesa di ricevere spiegazioni in merito a tali scelte contraddittorie, facciamo presente che noi continueremo ad essere propositivi e collaborativi, ma anche vigili per sempre" concludono dal Movimento 5 stelle.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento