Rapina all'ufficio postale di Giffoni, i tre nocerini ammettono le proprie responsabilità

I tre sono stati interrogati ieri dal gip del tribunale di Salerno. Erano finiti tutti e tre agli arresti domiciliari

Hanno ammesso le proprie responsabilità i tre nocerini arrestati giorni fa, per una rapina commessa all'ufficio potale di Giffoni Valle Piana. Le accuse sono di tentata rapina e rapina aggravata dall'uso di arma. Difesi dai legali Annalisa Califano e Massimiliano Forte, i tre sono stati interrogati ieri dal gip del tribunale di Salerno. Erano finiti tutti e tre agli arresti domiciliari. Gli indagati, legati tra loro da vincolo di parentela e residenti a Nocera Inferiore, erano giunti lo scorso 6 settembre nella frazione di Curti, tentando di rapinare l'ufficio postale. Il colpo si era poi concretizzato il successivo 18 settembre, quando uno degli indagati, con il volto parzialmente coperto e armato di pistola, entrò nella struttura per farsi consegnare 20mila euro in contanti. Dopo aver atteso per un quarto d'ora circa l'apertura dell'ingresso automatico. Durante le perquisizioni domiciliari, i carabinieri sequestrarono gli indumenti utilizzati per i travestimentiì, delle pistole giocattolo, 10mila euro in contanti, uno scontrino che li collocava in quel luogo. Una serie di elementi ritenuti schiaccianti, al punto da spingere poi il gip a firmare gli arresti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • Luci d'Artista 2019/2020: un giro d'affari di quindici milioni di euro

  • Choc in via San Leonardo, a Salerno: donna trovata morta con la gola tagliata

Torna su
SalernoToday è in caricamento