Cronaca

SP 47: il sindaco di Gioi scrive una nuova lettera a Canfora

Salati, sindaco di Goi, ha scritto una lettera al presidente della Provincia Giuseppe Canfora esprimendo soddisfazione per il valori eseguiti sulla frana al km 7,6 ma esprimendo preoccupazione sulla possibilità che possa essere un intervento isolato

Andrea Salati

Andrea Salati, sindaco di Goi, ha scritto una lettera al presidente della Provincia Giuseppe Canfora ed all'assessore provinciale ai lavori pubblici Paolo Imparato. "Non essendo stato degnato nemmeno di una benché minima nota di risposta, come si usa fare tra rappresentanti di Istituzioni, alle tante sollecitazioni, anche con toni forti, sull’annosa e gravissima precarietà della SP 47, riprendo Carta e penna per esternare la mia soddisfazione che è quella delle popolazioni cilentane interne per il termine dei lavori da 40 mila euro per la eliminazione della frana grave al Km 7.6 in località Santacroce della SP 47, eseguiti a tempo di record, vista l’urgenza per l’incolumità di uomini e cose , dalla Rean costruzioni sotto la direzione del Geom. Lettieri - scrive Salati - La soddisfazione, però, viene offuscata da un interrogativo consequenziale a cui desidererei avere risposta in tempi brevi: Quello portato a termine è un lavoro isolato per tacitare la mia penna o il primo di una serie di interventi altrettanto urgenti che vanno fatti in tempi brevissimi sui restanti chilometri che presentano smottamenti e frane gravi ad ogni piè sospinto?".

"Ripeto fino alla noia - incalza Salati - ma, oramai, è risaputo che la SP 47 è un’arteria importantissima a sud della Provincia perché di penetrazione nel Cilento interno da e per Vallo della Lucania, centro di servizi, di studi, di uffici, di lavoro, di sanità dell’intero comprensorio. Abbiamo potuto constatare in questo quattro giorni di chiusura per l’esecuzione dei lavori il nocumento che ha portato nel quotidiano già difficoltato. Si può immaginare che cosa potrà succedere in negativo se scatterà la necessità di chiusura se uno dei movimenti franosi in atto richiederà la chiusura per necessità".

"Egregi Signori - continua il sindaco di Gioi - siamo a meno una frana nel conteggio della trenta e più frane e smottamenti che caratterizzano i 17 chilometri della SP 47 dal Cilento interno a Vallo della Lucania. Rimarremo vigili, perciò, mentre continuiamo con le nostre povere forze nella manutenzione ordinaria sostituendoci alla Provincia, come avviene oramai da tempo. In continuazione solleciteremo interventi urgenti e rapidi in linea con le recenti dichiarazioni dell’Assessore Imparato, che ancora una volta ha dimenticato la SP 47, che ha promesso interventi urgenti di messa in sicurezza . E quali più urgenti di quelli sulla SP 47, martoriata a dritta e manca di dissesti franosi. Venite a farvi una passeggiata per vedere de visu qual è la realtà in cui vivono ke popolazioni amministrate che meritano rispetto, non possono più sopportare una viabilità precarie e pericolosa per l’incolumità di uomini e cose. I Cilentani - conclude Salati - sanno apprezzare e premiare i meriti, ma attenzione anche punire i torti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SP 47: il sindaco di Gioi scrive una nuova lettera a Canfora

SalernoToday è in caricamento