menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto degli orfani di guerra

Una foto degli orfani di guerra

Padula, torna la “La Giornata del Ricordo” dell’orfanatrofio

Si terrà domenica 25 settembre la V edizione de "La Giornata del Ricordo", evento dedicato agli ex - allievi dell'Orfanatrofio della Certosa di San Lorenzo a Padula, nel vallo di Diano

Conto alla rovescia, per la “La Giornata del Ricordo” dedicata agli ex-allievi dell’Orfanatrofio della Certosa di Padula. Giunta con successo alla sua V edizione, la manifestazione, ideata dall’associazione "Nuove Idee" presieduta da Giuseppina Sorrentino, riporta alla luce le figure di Padre Giovanni Semeria e di don Giovanni Minozzi, i due sacerdoti "padri" della fondazione dell’Opera Nazionale per il Mezzogiorno d’Italia e dell’Orfanatrofio della Certosa di Padula.  Luogo di accoglienza per più di 800 orfani di guerra, dal 1923 al 1960,  la Certosa, grazie ai due grandi personaggi per i quali è in corso la causa diocesana di beatificazione.

"Ai tanti disperati orfani di guerra che in circa 40 anni di attività trovarono asilo nel monumento certosino, fu garantito un tetto, la sopravvivenza e soprattutto l’istruzione: tutto ciò cambiò le sorti della loro vita. - spiegano dall'organizzazione della "Giornata del Ricordo" - L’orfanatrofio, con soli 3 anni d’interruzione, nel periodo delle II Guerra Mondiale, dal 1943 al ’46, portò avanti con successo le sue attività di formazione anche attraverso la scuola di avviamento agrario e la scuola di specializzazione industriale". Quasi 700 degli 800 orfani accolti in Certosa sono stati già rintracciati da "Nuove idee" che si prepara ad accogliere a Padula, domenica, centinaia di ex alunni provenienti da tutte le parti d’Italia, d’Europa e dagli Stati Uniti.

"La Congregazione Famiglia dei Discepoli e Le Ancelle del Signore”: questo il tema della V edizione. Ad intervenire all'interessante convegno, moderato dal giornalista Antonio Sica, tra gli altri, il sindaco di Padula, Paolo Imparato, il Soprintendente BAP di Salerno, Gennaro Miccio, il presidente della Comunità Montana Vallo di Diano, Raffaele Accetta. Ancora, don Cesare Faiazza, segretario generale dell’Ordine Famiglia dei Discepoli, e di suor Cecilia Ferri, madre generale delle Ancelle del Signore. Ad impreziosire l'iniziativa, come di consueto, le testimonianze degli ex-alunni della Certosa e dei loro familiari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento