rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca

Giornata della memoria delle vittime delle mafie: iniziative nelle scuole di Cava e Salerno

Si svolgeranno presso il liceo scientifico “Andrea Genoino” e il liceo "Regina Margherita"

Ci sono i nomi del sindaco di Pagani Marcello Torre, del giornalista del Mattino Giancarlo Siani e della piccola Simonetta Lamberti, vittima innocente e inconsapevole della camorra, accanto a quelli dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e degli uomini della loro scorta. Sono 1055 le vittime delle mafie dall’Unità d’Italia ad oggi, che saranno ricordate dagli studenti del liceo scientifico Andrea Genoino di Cava de’ Tirreni, il prossimo lunedì mattina. L’istituto scolastico cavese sarà in collegamento con Napoli, dove si svolgerà la manifestazione conclusiva della 27esima edizione della Giornata della memoria e dell’impegno delle vittime innocenti delle mafie, organizzata dall’associazione Libera.  

A Cava

La porta di ingresso del liceo sarà sormontata dalla bandiera di Libera, che sarà presente anche nelle classi. L’iniziativa di lunedì è la tappa finale di un percorso di sensibilizzazione all’importanza della giustizia e della legalità che, al “Genoino”, ha avuto il suo momento più importante nella manifestazione intitolata “Rappresentazioni, linguaggi e immaginai delle mafie”, che si è svolta nell’aula magna lo scorso 14 marzo.
All’iniziativa – promossa dalla dirigente scolastica Stefania Lombardi e coordinata dalle docenti Maria Di Serio e Marinella De Stefano – hanno preso parte, in qualità di relatori, il docente dell’Università di Salerno Marcello Ravveduto e Riccardo Christian Falcone di Libera Salerno, che hanno interloquito con gli studenti, spiegando l’importanza del rispetto della legalità e lo spirito di sacrificio di quanti hanno lottato per la giustizia.
“L’impegno della scuola non è solo quello di trasmettere dei saperi, ma anche quello di preparare i ragazzi ad essere cittadini consapevoli. Il tema della legalità – ha affermato la dirigente Stefania Lombardi – è centrale in questo percorso di crescita culturale e civica. Abbiamo voluto realizzare queste iniziative perché contribuiscono a rafforzare la consapevolezza che un mondo più giusto si costruisce grazie a tanti comportamenti virtuosi che si possono tenere nella vita di tutti i giorni”.

A Salerno 

Il liceo "Regina Margherita" di Salerno, lunedi 21 marzo, ricorderà le vittime innocenti delle mafie con lezioni, incontri, documenti, testimonianze, rappresentazioni teatrali, mostre. Parteciperanno al collegamento in rete a partire dalle ore 10.30 gli studenti, la Dirigente Angela Nappi, Alfonso Ferraioli, la professoressa Rosita Tesoniero con il prezioso intervento di Angela Procaccini, mamma di Simonetta Lamberti uccisa dalla camorra il 29 maggio 1982. 

0-5-29


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata della memoria delle vittime delle mafie: iniziative nelle scuole di Cava e Salerno

SalernoToday è in caricamento