Giovanni da Montecorvino: il primo evangelizzatore della Cina

Giovanni fu unico predicatore della Cina per 11 anni fino all'arrivo di un legato tedesco nel 1304. Nel 1307 Papa Clemente V inviò in Cina altri 7 francescani con il compito di consacrarlo sommo vescovo di tutta la Cina

Giovanni da Montecrovino - foto "Il tao di Lao"

In pochi sanno che uno dei primi evangelizzatori della Cina ai tempi del Kublai Khan e di Marco Polo fu un salernitano: beato Giovanni da Montecorvino.

La storia

Giovanni da Montecorvino, dopo una gioventù mondana, entrò nell'ordine dei Frati Minori e prese i voti nel 1270 al convento di San Lorenzo a Napoli. Pochi anni dopo partì, insieme ad altri confratelli, per evangelizzare l'Armenia e a Persia. Rientrato a Roma, portò con se un messaggio da parte del sovrano mongolo della Persia che chiedeva al papa Nicola IV di inviare missionari cattolici presso la corte del Kublai Khan, molto aperto al messaggio cristiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'evangelizzazione della Cina

Nel 1289, quindi, Giovanni partì, insieme ad un confratello ed un mercante genovese, alla volta dell'estremo oriente, portendo con sè lettere per diversi sovrani orientali. Il missionario di Montecorvino Rovella, rimase in Persia fino al 1291, partì, quindi, per l'India dove predicò per 13 mesi. In seguito si recò in Cina, a Khan Baliq (nome antico dell'attuale Pechino), ma arrivò troppo tardi per conoscere il Kublai Khan, morto da poco. Trovò ad attenderlo il suo successore Temur Khan che, sebbene non si convertì al cristianesimo, divenne grande estimatore di Giovanni. Tra il 1299 ed il 1305 il beato di Montecorvino costruì due chiese ed insegno latino e greco a tanti bambini del posto che educò al servizio liturgico della Messa ed al canto. Giovanni rimase unico predicatore della Cina per 11 anni fino all'arrivo di un legato tedesco nel 1304. Nel 1307 papa Clemente V inviò in Cina altri 7 francescani con il compito di consacrarlo sommo vescovo di tutta la Cina, compito che portarono a termine qualche anno più tardi. Giocanni morì nel 1328 a Khan Baliq. Ai suoi funerali parteciparono tantissime persone, anche non cristiane. Un vero e proprio gigante del cristianesimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento