rotate-mobile
Cronaca

Qualità delle acque, Goletta Verde: "Nel salernitano la situazione più critica"

Ben sei i punti campionati risultati "fortemente inquinati". "Proseguiremo con le nostre azioni di denuncia" sottolinea la direttrice di Legambiente Campania, Francesca Ferro

Presentati stamattina i risultati di Goletta Verde, la campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane, che hanno campionato le acque campane tra il 19 e il 30 giugno 2022. 

I dati nel salernitano

Quattordici i prelievi effettuati in Provincia di Salerno. Fra questi sei sono i punti risultati "fortemente inquinati": la foce del Regina Minor a Minori, la foce del fiume Irno sul lungomare di Salerno, la foce del fiume Picentino tra Salerno e Pontecagnano Faiano, la foce del torrente Asa a Pontecagnano/Faiano, la foce di un canale di scarico a Eboli e la foce presso il rio presso via Poseidonia 441. Due, invece, i punti "inquinati": la foce del Tusciano a Pontecagnano/Battipaglia e la foce del fiume Solofrone a Capaccio/Agropoli.  Le criticità sono dovute alla presenza di batteri di origine fecale (enterococchi intestinali ed escherichia coli), considerati un marker specifico di inquinamento dovuto a scarsa o assente depurazione. 

Le criticità

“Anche quest'anno - spiega la direttrice di Legambiente Campania, Francesca Ferro - registriamo una fotografia delle coste campane tra luci ed ombre, con delle situazioni in alcuni punti della nostra costa che rendono bene la gravità della situazione della depurazione in Campania. Per i casi più gravi, quei “malati cronici” che denunciamo da anni, proseguiremo con le nostre azioni di denuncia, chiedendo l’applicazione della legge sugli Ecoreati, per risolvere le criticità che ancora minacciano la qualità e la salute dei nostri mari.  L'auspicio è di superare la situazione di criticità cronica del ciclo delle acque attraverso l'utilizzo sapiente e oculato dei fondi del Pnrr stanziati per la depurazione e per il sistema fognario che consentirebbe di avere finalmente un ciclo integrato delle acque moderno, efficiente e sostenibile”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualità delle acque, Goletta Verde: "Nel salernitano la situazione più critica"

SalernoToday è in caricamento