Inaugurazione nuova sede della Stazione Carabinieri Parco di Castellabate

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Lunedì 1° ottobre 2018, con inizio alle ore 10.30, a Santa Maria di Castellabate (SA) si svolgerà la cerimonia di inaugurazione della nuova sede della Stazione Carabinieri Parco di Castellabate, situata all’interno della Villa Matarazzo. E’ prevista la partecipazione del Ministro dell’Ambiente, Sergio COSTA e del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A. Giovanni NISTRI, nonché di Autorità Civili, Militari e Religiose regionali, provinciali e locali.

Il territorio della Stazione Carabinieri Parco di Castellabate si estende su un’area di circa 9.200 ettari, ricompresa nei Comuni di Castellabate, Montecorice, Perdifumo e, parzialmente, di Agropoli e Làureàna Cilento. Inoltre, in tale territorio ricadono paesaggi mediterranei e marino-costieri di elevata valenza ambientale, come le località di Licosa, Punta Trasino e Ripe Rosse. La nuova sede della Stazione, ubicata nella prestigiosa Villa Matarazzo, realizzata alla fine del 1800 come casa di villeggiatura di un ricco industriale originario del luogo, è stata recentemente ristrutturata ed è oggi sede del Centro di Promozione Riserve Marine e del Paesaggio Mediterraneo.

Con l’acquisizione della nuova sede della Stazione Carabinieri Parco di Castellabate nella prestigiosa Villa Matarazzo, si realizza un altro decisivo passo avanti nel lungo processo di ammodernamento e riqualificazione funzionale delle 18 caserme delle Stazioni Carabinieri Parco che presidiano il territorio del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento