Cronaca

Incendi nel salernitano: ancora roghi, gli appelli dei sindaci

Preoccupazione e appelli da parte dei sindaci di Baronissi e Cava, dopo gli incendi che hanno devastato il territorio. Nella sera di ieri, intanto, un nuovo rogo con disagi alla circolazione

Continua a bruciare, incessantemente, la provincia di Salerno. Anche questa mattina, continuo, l'andirivieni del canadair per domare i roghi sulle colline che circondano la città. Ieri, le fiamme hanno superato la cresta dei monti del Demanio e sono entrate nel territorio di Cetara. Intanto, a Baronissi si è tenuta una riunione operativa presieduta dal sindaco Gianfranco Valiante per avviare azioni di monitoraggio del territorio devastato dagli incendi. Dal 14 giugno al 23 agosto sono stati 31 gli incendi che a più riprese hanno colpito i due versanti collinari. “Il principale obiettivo adesso è di mettere in campo azioni immediate di prevenzione per mitigare il rischio idrogeologico – spiega il sindaco Valiante – in particolare frane, inondazioni e smottamenti che potrebbero verificarsi con le prime piogge”. Lo scopo è fare il possibile per evitare che si possano verificare smottamenti e frane ai primi temporali. Presentato anche un esposto al Procuratore della Repubblica per chiedere agli inquirenti di lavorare affinché si possa far luce sulla grave emergenza che ha colpito il territorio.

Cava

Un altro appello è stato lanciato dal sindaco di Cava de’Tirreni, Vincenzo Servalli alla Regione ed al Governo affinché, dopo gli incendi, i Comuni colpiti siano messi in condizione di operare per la prevenzione e la messa in sicurezza del territorio e delle famiglie esposte al rischio idrogeologico, in caso di forti piogge. “La Regione ed il Governo – ha osservato Servalli – devono dimostrare maggiore attenzione e attivarsi per fornire strumenti, strutture e risorse per le necessarie opere di prevenzione dei territori perché i Comuni non hanno i soldi per interventi di tale portata.  Per questo abbiamo chiesto con tutti i sindaci della costiera amalfitana colpite dall’emergenza incendi un tavolo di confronto in prefettura per stabilire ruoli, competenze e interventi da fare”.

Il rogo

Intanto, ieri, ennesimo incendio lungo la Cilentana, precisamente tra gli svincoli Agropoli Nord e Agropoli Sud. Il fuoco è divampato intorno alle ore 23 e in poco tempo ha distrutto sterpaglie ed alberi. Sul posto, i caschi rossi del distaccamento di Vallo della Lucania: allarme rientrato, ma non sono mancati rallentamenti alla circolazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi nel salernitano: ancora roghi, gli appelli dei sindaci
SalernoToday è in caricamento