Cronaca viadotto Gatto

Camion distrutto dalle fiamme, riaperto il Viadotto Gatto: le critiche di Cammarota

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco, le Forze dell’Ordine e gli addetti alla manutenzione della strada che hanno ripulita l’area per consentire il ripristino della regolare via viabilità

E’ stato riaperto alla circolazione veicolare, nel pomeriggio, il Viadotto Gatto di Salerno. Lo stop era stato disposto a seguito delle fiamme che, in tarda mattinata, avevano avvolto un camion diretto al porto commerciale. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco, le Forze dell’Ordine e gli addetti alla manutenzione della strada che hanno ripulita l’area per consentire il ripristino della regolare via viabilità. 

La polemica

Intanto, dopo l’appello dei sindacati, arrivano le critiche del presidente della commissione trasparenza Antonio Cammarota: “Siamo alle solite, l’incendio del Tir sul Viadotto Gatto riapre un caso che mostra tutta l’indifferenza dell’amministrazione comunale rispetto alla sicurezza stradale. Lo abbiamo denunciato da anni : il Viadotto Gatto è pericoloso e continueremo a denunciare portando la vicenda in commissione trasparenza, in quella sede ottenemmo la revisione mai fatta prima della intera struttura. Mancano le corsie di emergenza, manca l’illuminazione e tra l’altro i recenti lavori hanno portato solo ad una tinteggiatura. Il manto stradale è compromesso e quindi ne va della sicurezza automobilisti e scooteristi. Avevamo proposto lo stop ai mezzi pesanti nei weekend e nei giorni festivi ma ancora regna l’indifferenza generale, nonostante il sangue già versato sull’asfalto ”. Da qui, prosegue Cammarota: “La nostra proposta di delocalizzazione del porto commerciale, nostra storica battaglia che porteremo avanti. Il porto ha bisogno di spazi adeguati, di una economia di scala, ma soprattutto di stare lontano dal centro della città”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camion distrutto dalle fiamme, riaperto il Viadotto Gatto: le critiche di Cammarota

SalernoToday è in caricamento