Centralina telefonica distrutta dalle fiamme: comuni isolati

Il rogo è avvenuto nella notte sulla Via del Mare tra Agropoli e Castellabate. Un nostro lettore conferma: "Non possiamo chiamare a nessuno"

 Disagi in diversi comuni del Cilento dove, la scorsa notte, un incendio sviluppatosi sulla Via del Mare tra Agropoli e Castellabate ha distrutto una centralina telefonica e alcuni cavi delle linee Tim e Telecom. Coinvolti i comuni di Laureana, Montecorice, Perdifumo e la stessa Castellabate dove le linee fisse e mobili sono in tilt. “Sì, è vero – ci conferma via Facebook un nostro lettore che sta trascorrendo le vacanze nella cittadina di Benvenuti al Sud – non possiamo telefonare a nessuno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tecnici già sono a lavoro  per risolvere la problematica in tempi rapidi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento