Incidente sul lavoro, scoppia una bomboletta: si ustiona un lavoratore di Salerno Pulita

E' già stata aperta un'inchiesta da parte della polizia municipale, per risalire a chi abbia sversato illegalmente il materiale, ma intanto la Fiadel provinciale chiede una presa di posizione al Comune

Il ferito

Si è verificato un incidente sul lavoro per un operaio di “Salerno Pulita”, lunedì sera: il malcapitato, infatti, a causa di uno scoppio, ha riportato un'ustione di primo grado, come confermato dal referto redatto dai medici dell'ospedale di Cava de' Tirreni. Il protagonista dell'episodio è il 45enne Francesco Pezzano, delegato sindacale della Fiadel provinciale e dipendente della società partecipata del Comune di Salerno dal 2008 che, per fortuna, non ha riportato danni agli occhi.

Il fatto

Una bomboletta spray trovata in un cassonetto carrellato, insieme a una bottiglia di plastica di due litri contenente della vernice rossa, di un condominio del quartiere Mariconda, findendo nel compattatore, ha provocato un'esplosione improvvisa, ferendo il dipendente. Sul caso è già stata aperta un'inchiesta da parte della polizia municipale, per risalire a chi abbia sversato illegalmente del materiale che deve essere depositato nei locali dell'isola ecologica, ma intanto la Fiadel provinciale chiede una presa di posizione al Comune di Salerno, proprietario della società.

Parla Angelo Rispoli, segretario generale della Fiadel provinciale

“L'amministrazione guidata dal sindaco Vincenzo Napoli quotidianamente non perde tempo per pubblicizzare quanto di buono viene fatto dall'Ente. Tuttavia, lo stesso tempo non è stato trovato tempo per dare solidarietà a un proprio lavoratore che ha rischiato davvero tanto. Il punto è chiaro: adesso su “Salerno Pulita” si sta sparando solo a zero e i dipendenti sono il bersaglio preferito di tanti politici. Ma nessuno dice una parola su chi deposita materiale pericoloso nella differenziata e fa rischiare la vita a lavoratori onesti che in queste settimane sono vittime inconsapevoli di un sistema davvero molto strano.

Mi auguro che dal Comune arrivi la solidarietà a Pezzano e qualcuno si ricordi che la Fiadel provinciale da molti giorni ha chiesto un incontro all'Ente, in quanto proprietario dell'azienda partecipata, al nuovo management della “Salerno Pulito”. Si tratta di atti dovuti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E Francesco Pezzano, il lavoratore rimasto ferito, incalza

“Ho autorizzato alla diffusione delle immagini relative al mio incidente perché voglio che tutti vedano le condizioni in cui i lavoratori di “Salerno Pulita” sono costretti a operare. Sono stato fortunato e poteva andarmi davvero molto peggio. Peccato che nessuno stia spendendo una parola di solidarietà dopo giorno in cui, insieme ai miei colleghi, siamo il bersaglio facile di qualche amministratore comunale. Spero che tutto questo possa cambiare velocemente”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Torrione: donna si sente male sulla spiaggia e muore

  • Covid-19: salgono i contagi a Salerno e provincia, muore un paziente. L'appello di Polichetti (Fials)

  • Covid-19: altri 3 contagi in provincia di Salerno, il bilancio dei positivi

  • Belen in Costiera, "salto" a Ravello e degustazione dei dolci di Pansa

  • Covid-19, contagiata una bimba di Pontecagnano

  • Covid-19: sette nuovi contagi in Campania, il bollettino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento