Cronaca

Incidente mortale ad Agropoli, il bagnino-eroe: "Colpa di chi ha chiuso l'ospedale"

A scendere in campo anche Valiante: "Il pronto soccorso più vicino? Quanti minuti occorrono per raggiungerlo? Giriamo per l'ennesima volta la domanda a chi governa la sanità"

Dolore, ma anche tanta rabbia dopo il terribile incidente che domenica sera ha strappato la vita a quattro persone. "Purtroppo quattro persone decedute e tre feriti. Il pronto soccorso più vicino? E quanti minuti occorrono per raggiungerlo? Giriamo per l'ennesima volta la domanda a chi governa la sanità", ha osservato amareggiato il consigliere regionale Gianfranco Valiante.

E' giusto, in effetti, sottolineare come alle spalle della Sp430, variante della strada statale 18 dove si è verificato l'impatto fatale, prima vi fosse l'ospedale di Agropoli, ad oggi chiuso nonostante le innumerevoli battaglie condotte da amministratori, comitati e cittadini per salvaguardare il diritto alla sanità del Cilento. Due delle persone sono spirate durante il trasporto in ospedale: non si sa, se, con un soccorso più immediato, sarebbero riuscite a sopravvivere o meno. L'unica certezza, tuttavia, è che, seppure ce l'avessero fatta, avrebbero dovuto affrontare un viaggio non breve, prima di ricevere le cure mediche necessarie.

"Lascia basiti poter pensare che, se l'ospedale di Agropoli fosse stato aperto, almeno una vittima avrebbe potuto essere salva e con la propria famiglia - incalza  Pierluigi Caroccia, il bagnino-eroe che ha dato l'anima per la battaglia contro la chiusura del nosocomio - Io sono sceso in campo proprio per queste problematiche che si sarebbero venute a creare con la chiusura dell'ospedale di Agropoli, sito in un posto che in estate raggiunge il picco di popolazione, dove tra incidenti e annegamenti, venivano effettuati il numero massimo degli interventi ad alto rischio. Io credo che i morti di ieri, siano sulla coscienza di colui che voleva questo, che ha pensato più alle esigenze economiche, che a quelle primarie che riguardano la salute. Spero che il dottor Squillante si confessi spesso...", ha concluso Caroccia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente mortale ad Agropoli, il bagnino-eroe: "Colpa di chi ha chiuso l'ospedale"

SalernoToday è in caricamento