menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sarno, morì sull'A30 mentre si riposava dal viaggio: condannato giovane

La donna, in auto con il marito e le figlie, stava tornando a Como. Un'auto con a bordo un ragazzo si schiantò sul loro mezzo. Ad avere la peggio fu la 47enne, che subì una frattura midollare e danni alla colonna vertebrale

Ha patteggiato 2 anni di condanna un ragazzo di 22 anni, residente nel vesuviano, accusato di omicidio colposo per la morte di Paola Genna, 46enne lombarda.

Lo scontro mortale

Era l'estate del 2016, quando il ragazzo, percorrendo l'A30 direzione Sarno con la sua BMW, a 100 chilometri orari, ne perse dopo un pò il controllo. Il mezzo sbandò prima sulla sinistra, poi finì in direzione opposta, fino ad una piazzola di sosta dove c'era una Nissan da nove posti. In quel veicolo c'era Paola con la famiglia, marito e le due figlie di venti e undici anni. Da indagini della procura, il ragazzo, quando l'auto sbandò verso destra, non avrebbe provato neanche a frenare o a riprendere il controllo dell'auto. La conseguenza fu delle peggiori. Nello schiantarsi sulla Nissan, la donna subì un colpo di frusta alla colonna vertebrale, con conseguente lesioni midollare. Praticamente morì sul colpo. Marito e figlie rimasero ferite, una con una prognosi di almeno trenta giorni. Giorni fa, dinanzi al gup Gustavo Danise, il ragazzo ha patteggiato una pena a 2 anni di reclusione. Quel giorno, la famiglia di Paola rientrava a Como da Trapani, dove aveva trascorso le vacanze. Avevano deciso di fermarsi per riposare, prima di riprendere il viaggio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento