menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cava- filmato

Cava- filmato

Rifiuti abbandonati a Cava: in arrivo le "videotrappole" per gli incivili

Dalla visione delle immagini gli agenti della Polizia Locale hanno potuto riscontrare l'intera sequenza dell'abbandono dei rifiuti, la data e l'orario della ripresa

Sempre più stretta la morsa della Polizia locale Cava de' Tirreni per debellare il malcostume dell'abbandono selvaggio dei rifiuti. Ben cinque gli incivili che, noncuranti del regolamento e della sanzione unica di 500 euro, sono stati immortalati dalle telecamere di videosorveglianza mentre, fuori orario e in barba ad ogni norma sul conferimento dei rifiuti e della raccolta differenziata, hanno sversato non solo rifiuti "casalinghi", ma anche materiale di risulta. 

Dalla visione delle immagini gli agenti della Polizia Locale hanno potuto riscontrare l'intera sequenza dell'abbandono dei rifiuti, la data e l'orario della ripresa. Prove incontrovertibili della violazione, realizzate a norma di legge: tra le registrazioni effettuate, sono state accertate tre infrazioni nella frazione Passiano, una alla frazione di Croce. Il nucleo ambientale della Polizia Locale ha intensificato la videosorveglianza anche con l'utilizzo delle "videotrappole", piccole videocamere dotate di sensori infrarossi per la ripresa notturna, già in dotazione al corpo ma finora poco impiegate, in funzione su disposizione dell'assessore all'igiene urbana, Nunzio Senatore, nelle zone critiche della città, dove maggiormente si verificano tali episodi.

"Abbiamo molte volte avvertito che l'Amministrazione comunale non transige sul rispetto delle norme sul conferimento dei rifiuti - sottolinea il sindaco Vincenzo Servalli - abbiamo intrapreso una battaglia sul decoro della città che vogliamo perseguire a tutti i costi. Non fa piacere a nessuno multare così pesantemente i trasgressori e confido che si sviluppi una nuova cultura e sensibilità dei cittadini verso la raccolta differenziata, nell'interesse di tutti. Economici, perché dobbiamo abbassare i costi di gestione dell'igiene urbana e del vivere civile, perché vogliamo avere una città pulita e decorosa che ritengo sia la volontà di tutti  i cavesi. Per farlo dobbiamo essere tutti impegnati affinché multe non se ne facciano più", ha concluso il primo cittadino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento