menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cumuli di rifiuti sulle spiagge salernitane: ecco i dati di Legambiente

Presentati i dati dell’indagine Beach litter realizzata e curata da Legambiente, che ha monitorato 29 spiagge italiane e 25 spiagge del Mediterraneo

Volontari in azione nel fine settimana contro i rifiuti spiaggiati di ogni genere e di tutte le forme e dimensioni: bottiglie e contenitori di plastica, tappi, polistirolo. E poi secchi, stoviglie usa e getta, oggetti derivanti dal comparto della pesca, mozziconi di sigaretta e rifiuti da mancata depurazione come cotton fioc e assorbenti. Si è concluso Spiagge e Fondali puliti - Clean-up the Med 2015 di Legambiente creata in collaborazione con Cial, Novamont, Mareblu e Virosac e che ha visto questo week-end centinaia di volontari impegnati nel ripulire le spiagge da Ascea a Pozzuoli dal litorale di Salerno a Giugliano. Nell'occasione sono stati presentati i dati dell’indagine Beach litter realizzata e curata da Legambiente, che ha monitorato 29 spiagge italiane e 25 spiagge del Mediterraneo nell’ambito della campagna. L’indagine è stata eseguita dai volontari dell’associazione ambientalista da aprile a maggio 2015 e ha riguardato tre spiagge della Campania: Pozzuoli, Pontecagnano ed Eboli su un’area complessiva di 14 mila mq, dove sono stati trovati 5675 rifiuti spiaggiati . Il 73% dei rifiuti monitorati riguarda la plastica.

Nell’indagine i principali indicatori presi in considerazione sono: la composizione del rifiuto e la sua quantità e grandezza (maggiore o minore di 25 cm). Le aree di indagine sono state scelte in modo da effettuare il campionamento su transetti di 100 metri di lunghezza di spiagge libere e ogni singolo campionamento ha tenuto conto del protocollo di monitoraggio messo a punto dal ministero dell’Ambiente e dell’Ispra. I dati più preoccupanti hanno riguardato la spiaggia di Eboli presso l’Area protetta dunale di Legambiente, dove su un' area di 2500mq sono stati ritrovati 4886 rifiuti e dove il 25% è costituito da resti plastici formati in prevalenza da seminiere in polistirolo espanso, provenienti dalle produzioni agricole della zona. A Pontecagnano foce del Tusciano su circa 8mila mq ritrovati appena 160 rifiuti, il 25% dei rifiuti riguarda bottiglie e contenitori di plastica. Nel napoletano a Pozzuoli presso la Duna Foresta regionale su un'area di 3500 mq trovati 629 rifiuti di cui il 19% riguarda i mozziconi di sigarette.

“Sono tanti i danni provocati dai rifiuti spiaggiati – spiega il direttore Legambiente Campania Antonio Gallozzi - danni che fanno male all’ambiente e alla fauna, all’economia e al turismo. Un'aggressione continua e insopportabile ai danni dei paesaggi che amiamo di più, a cui è impossibile rimanere indifferenti. Le numerose adesioni e la partecipazione di tanti volontari in questo week-end testimoniano la voglia di partecipare dei cittadini, che credono e dimostrano come un miglioramento della qualità della vita passa anche attraverso la pulizia e la corretta gestione delle aree demaniali”.  E con spiagge Pulite Legambiente ha fotografato lo stato di salute delle coste campane e, in particolare, dei processi di erosione che minacciano il litorale. 

Secondo il Rapporto del 2006 su Lo Stato di salute dei litorali italiani, curato da Enzo Pranzini dell’Università di Firenze e ad oggi il quadro più aggiornato a livello nazionale, in Campania su 224 km di spiaggia 95 km sono in erosione pari al 42,4%. E davanti a questi numeri incombe grande progetto di artificializzazione su 30 km di costa nel Golfo di Salerno, del tratto di costa della Piana del Sele compreso tra la Foce del Picentino e quella del torrente Fiumarello con barriere rigide costituite da 42 pennelli e 17 celle costruiti con blocchi di roccia provenienti da cave dell’entroterra. L’artificializzazione di 30 chilometri della costa salernitana - denuncia Legambiente - si concretizza nell’impiego di circa 1.200mila  tonnellate di massi di calcarei provenienti da cave a terra. Per il loro trasporto necessiteranno oltre 75mila  viaggi di camion di grossa portata i quali dovranno percorrere più di 13 milioni di chilometri per un consumo di gasolio complessivo di almeno 4 milioni di litri che corrisponde ad almeno 2500 Tonnellate di CO2 emessa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento