menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Infiltrazioni d'acqua nel centro storico: i risultati delle indagini

Il mistero, in realtà, non è stato del tutto spiegato. Si legge su una nota del Comune: "Non è possibile individuare nessuna responsabilità in merito, così come non è possibile escludere altre cause che non sono state prese in considerazione"

Giungono finalmente i risultati delle attività sviluppate dal gruppo di esperti, nominato con l'Ordinanza Sindacale del 9 febbraio, per la vicenda delle infiltrazioni d'acqua nei locali del centro cittadino. "E' emerso che il fenomeno indagato, consistente in una risalita rapida e transitoria del livello freatico del Centro storico basso di Salerno, presenta evidenti caratteri di indeterminatezza, non essendo legato all’andamento meteorico. - si legge su una nota del Comune- Dalle indagini effettuate, peraltro avviate quando il livello freatico era già in fase di discesa, è stato possibile appurare che non si è trattato di un fenomeno naturale, ma allo stesso tempo non è emersa una causa certa. Pertanto, allo stato, con i dati disponibili, non è possibile individuare nessuna responsabilità in merito, così come non è possibile escludere altre cause che non sono state prese in considerazione per mancanza di elementi significativi".

Il prolungamento dei rilievi piezometrici sino al mese di settembre ha comunque messo in evidenza una sostanziale stabilità della falda a partire dal termine del mese di febbraio, con il ritorno, nelle ultime misure, ai livelli del 2009. "Attesa la possibilità che il fenomeno si ripresenti con i medesimi caratteri transitori, si evidenzia la necessità, da un lato di prevedere un monitoraggio continuo del livello freatico nel centro storico basso di Salerno, dall’altro di procedere ad un censimento esaustivo degli impianti di aggottamento esistenti", hanno concluso da Palazzo di Città.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento