menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Basta inquinamento in città": sit in di protesta sotto al Comune del comitato Salute e Vita

La testimonianza di Don Marco Raimondo: "Ogni giorno ci misuriamo con la sofferenza di tante famiglie che hanno combattuto o che stanno combattendo con la malattia dei propri cari"

E’ stato presentato questa mattina il coordinamento “L’altra città: la nostra- associazioni e cittadini per Salerno”, una rete che da alcuni mesi sta lavorando ad un progetto per la città, a nuove idee sui temi del lavoro, dell’ambiente, della cultura, della mobilità, del turismo. All’incontro erano presenti: Pietro Ravallese (Salerno Partecipazione Responsabile), Gianpaolo Lambiase (Laboratorio 20), Lorenzo Forte (Comitato Salute e vita), Alfonso Siano, Giuseppe Provenzano, Luciana Libero (Forum Cultura), Guglielmo La Pastina (Salerno Progetto Comune), Raffaella Di Leo (Italia Nostra) ef altri rappresentanti della società civile.

Nel pomeriggio, invece, sotto i portici di Palazzo di Città, si è svolta una manifestazione promossa dal Comitato Salute e Vita per ricordare le vittime causate dall’inquinamento atmosferico a Fratte e nella Valle dell’Irno e chiedere la convocazione di un consiglio comunale che discuta della problematica. Presenti all’iniziativa tutti i membri del  coordinamento “L’altra città: la nostra- associazioni e cittadini per Salerno” e anche Don Marco Raimondo: “Sono qui a testimoniare la realtà delle morti che viviamo dovute all'aria   che respiriamo. Ogni giorno ci misuriamo con la sofferenza di tante famiglie che hanno combattuto o che stanno combattendo con la malattia die propri cari. Viviamo quotidianamente come se ci fosse una scure, come se avessimo qualcosa sulla testa che potrebbe colpirci da un momento all’altro. Purtroppo questo nella sonnolenza, nella dimenticanza, nell’indifferenza degli stessi cittadini. L’invito è quindi avere più coscienza del fatto che l’aria che respiriamo non è buona. E ce ne accorgiamo sempre, ma soprattutto d’estate quando siamo costretti a chiudere le imposte. Invitiamo ad aprire gli occhi su tutto. Noi - ha concluso il sacerdote - come chiesa camminiamo con la gente”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento