menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pagani, insegnante di musica arrestato per violenza sessuale: "tradito" dai messaggi alle allieve

Ad incastrarlo sono - al momento - i messaggi sul social What’s App scambiati con due sue allieve, minorenni, di 11 e 12 anni

Due accuse di violenza sessuale, una consumata e l’altra solo tentata. E’ stato arrestato nella giornata di ieri un uomo di 62 anni, impiegato presso il mercato ortofrutticolo Nocera-Pagani e insegnante di musica privato. Ad incastrarlo sono - al momento - i messaggi sul social What’s App scambiati con due sue allieve, minorenni, di 11 e 12 anni. Contenuti dal tono intimo, confidenziale, che qualche volta superava il normale rapporto tra un insegnante e un’allieva. Ma che sono bastati per far eseguire ai carabinieri della tenenza di Pagani un’ordinanza cautelare a firma del gip del tribunale di Nocera Inferiore. L’inchiesta prende piede quando gli inquirenti raccolgono le denunce delle mamme delle due presunte vittime. Gli atteggiamenti "chiusi" delle due figlie è solo il preludio a quanto scoprono i due genitori sui telefoni cellulari. Diversi messaggi e attenzioni che allarmano entrambe, tanto da spingerle a presentare una formale denuncia ai carabinieri. La procura a quel punto apre un fascicolo e iscrive nel registro degli indagati un uomo di sessantadue anni. Stando agli indizi raccolti, il sostituto procuratore muove due distinte contestazioni all’uomo, impegnato al mercato ortofrutticolo e nel tempo libero, insegnante di musica popolare. La prima è di violenza sessuale, la seconda di tentata.

Conseguenza logica dei messaggi spediti a più riprese alle due ragazzine, con forme e toni differenti. Il materiale raccolto viene poi integrato con l’audizione delle due ragazzine, in modalità protetta, vista la tipologia di reato che viene contestata. Tanto basta per spingere il gip a firmare una misura di arresti domiciliari per l’uomo, che comparirà davanti al magistrato nella giornata di domani per l’interrogatorio di garanzia. E’ difeso dal legale Antonello Coppola. In quella sede, potrà spiegare il contenuto di quei messaggi, che al momento rappresentano gli unici elementi di un’indagine appena agli inizi, ma che ha già fatto rumore. Soprattutto nell’ambiente della struttura ortofrutticola, dove il 62enne svolgeva il suo impiego. I messaggi delle due minorenni, entrambe studentesse alle scuole medie, sono stati acquisiti dagli investigatori. Per ora, si è ancora in fase preliminare dell’indagine, con un’attività non ancora conclusa e che verrà di certo approfondita per eventuali contestazioni, qualora dovessero emergere. Al momento, le prove contro l’uomo sono il racconto delle due mamme, confidatesi in precedenza con le figlie, a seguito della scoperta dei contenuti di decine di messaggi registrati e salvati su due telefoni cellulari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento