rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Interrogatorio Scarano: nuovi ed imprevisti scenari all'orizzonte

L'avvocato Francesco Caroleo Grimaldi: "Monsignor Scarano sta mantenendo fede all'impegno di collaborazione leale"

Arrestato il 28 giugno scorso nell'ambito dell'inchiesta sul tentato rimpatrio di 20 milioni di euro riconducibili agli imprenditori D'Amico, monsignor Scarano sta collaborando con gli inquirenti. Secondo quanto si è appreso, grazie agli elementi forniti, potrebbero aprirsi nuovi ed imprevisti scenari.

E' durato circa tre ore l'interrogatorio a don Nunzio, a Regina Coeli. "Scarano sta mantenendo fede all'impegno di collaborazione leale", ha detto il suo legale Francesco Caroleo Grimaldi. Accusato di calunnia e concorso in corruzione, l'alto prelato ha offerto elementi utili per il prosieguo delle indagini, ribadendo la sua buona fede nella vicenda: fare un favore ai D'Amico, senza poter immaginare le conseguenze che questo avrebbe comportato.

Tutt'altro che trasparente, del resto, la questione, anche alla luce delle dichiarazioni dei cugini D'Amico, indagati insieme a Maurizio, per evasione fiscale: interrogati, negarono che i 20 milioni di euro fossero riconducibili a loro. Domani, intanto, il tribunale del riesame valuterà la richiesta di revoca dell'ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di Scarano: nell'istanza dei difensori si precisa che "non ricorre il pericolo di reiterazione della condotta". Ora bisogna attendere la pronuncia del giudice.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interrogatorio Scarano: nuovi ed imprevisti scenari all'orizzonte

SalernoToday è in caricamento