Cronaca

Ruggi, eseguito un intervento ad alta complessità endovascolare

La singolarità di tale intervento sta nell’utilizzo del primo Device di così piccole dimensioni impiantato in Italia su una arteria (pericallosa) di così piccolo calibro (2,25X20mm) ed importantissima per le funzioni vitali del paziente

Nuove soddisfazioni al Ruggi di Salerno. E' stato eseguito, nei giorni scorsi, presso la sala angiografica della U.O. di Neuroradiologia del Plesso Ruggi dell’A.O.U., diretta dal dottor Renato Saponiero, un intervento ad alta complessità di trattamento di un aneurisma cerebrale dell’arteria pericallosa, ricanalizzato rispetto ad una precedente embolizzazione effettuata in altra sede. La procedura, eseguita dal team dei neuroradiologi interventisti dottor Romano,  Siani e Locatelli, insieme al comparto infermieristico e TSRM, ha visto il posizionamento di uno stent di tipo Flow diverter, a rete metallica molto stretta che permette l’isolamento della sacca aneurismatica dal flusso arterioso, impedendo quindi la possibilità di rottura dell’aneurisma stesso.

Le caratteristiche

La singolarità di tale intervento sta nell’utilizzo del primo Device di così piccole dimensioni impiantato in Italia su una arteria (pericallosa) di così piccolo calibro (2,25X20mm) ed importantissima per le funzioni vitali del paziente. La paziente ricoverata presso la nostra azienda nel reparto di neurochirurgia, è stata dimessa due giorni dopo l’intervento in ottimali condizioni cliniche senza deficit neurologici. La U.O. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica dell’A.O.U. Ruggi di Salerno continua a rappresentare punto di riferimento per la rete Stroke in ambito regionale per i casi trattati sia in urgenza che in elezione, registrando oltre 100 procedure interventistiche endovascolari (Stroke MAV aneurismi) eseguite solo nell’anno corrente in una esperienza maturata nel corso degli ultimi due decenni.

L'offerta

Grazie alla stretta collaborazione con la Direzione Strategica della A.O.U. Ruggi,  l’implementazione del Parco Tecnologico dei macchinari prossimamente disponibili e la possibilità di utilizzo di Devices di ultima generazione, tali trattamenti continueranno a crescere in numero e qualità, dando sempre maggiori opportunità di trattamenti all'utenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruggi, eseguito un intervento ad alta complessità endovascolare

SalernoToday è in caricamento