Intestatario fittizio di oltre 300 veicoli: arrestato dalla Polstrada di Angri, denunciati i prestanome

B.C. risultava proprietario di ben 344 veicoli. Per questi motivi la Procura di Napoli e gli Agenti della Sottosezione di Angri hanno denunciato diversi prestanome per falso in atto pubblico con induzione in errore del pubblico ufficiale

Agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Angri in azione, nel fine settimana: è stato arrestato un cinquantenne di Giugliano accusato di “falso in atto pubblico”  con induzione in errore di un pubblico ufficiale, intestatario fittiziamente  di oltre 300 veicoli.  L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura della Repubblica partenopea.

Il sistema

Solo pochi mesi fa, esattamente  il giorno 11 marzo, gli stessi agenti, eseguendo un'altra ordinanza di custodia cautelare richiesta dalla Procura di Napoli, arrestarono O.B, un sessantenne di Caserta che risultava intestatario fittizio di circa 700 veicoli che sono ancora tutti in corso di sequestro. Il meccanismo dell’intestazione fittizia, normalmente, prevede l’accordo (“pactum sceleris”) tra due parti alias una parte rappresentata dai soggetti normalmente dediti a delinquere e l’altra da soggetti, detti anche ‘prestanome’ o ‘teste di legno’, che in cambio di risibili somme di denaro, si lasciano intestare auto e moto, utilizzate poi sia da persone di nazionalità italiana, sia anche da persone provenienti dall’est Europa o dal nordafrica, non solo per la commissione di reati, che vanno dal furto, alle rapine, al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti , ma anche  per utilizzare dei mezzi sostanzialmente ‘fantasma’, intestati fraudolentemente, e quindi non riconducibili concretamente a nessuno. 

La scoperta

Tali veicoli non fanno scaturire responsabilità in capo ai loro conducenti, a cominciare dall’onere del pagamento delle ‘multe’, dei pedaggi autostradali ecc., e soprattutto per la mancanza di una copertura assicurativa per la responsabilità civile, con conseguenze ancora più gravi, quando i mezzi restano coinvolti in incidenti stradali con lesioni anche mortali. Il procedimento trae origine dall’informativa redatta dai poliziotti con riferimento ad un furto perpetrato allo svincolo autostradale di Pompei nell’auto di una cittadina belga dai cui era stata rubata una borsa. Le successive indagini hanno, così, consentito di accertare che il furto era stato commesso da ignoti che viaggiavano a bordo di una vettura ripresa dalle telecamere del sistema di videosorveglianza presenti sul posto. Dai controlli delle banche dati della Polizia si è saputo che la stessa auto era stata controllata precedentemente in quanto il conducente, di etnia rom, nell’occasione, aveva opposto resistenza a pubblico ufficiale, fuggendo. Dai successivi accertamenti è emerso che la vettura era intestata a B.C. destinatario della misura cautelare. Le indagini successive hanno permesso di verificare che B.C. risultava proprietario di ben 344 veicoli. Per questi motivi la Procura di Napoli e gli Agenti della Sottosezione di Angri hanno denunciato diversi prestanome per  falso in atto pubblico con induzione in errore del pubblico ufficiale (articoli 110, 81cpv, 48 e 479 del codice penale) e chiesto nei loro confronti un provvedimento di blocco anagrafico da notificare a PRA, Motorizzazione Civile e Camera di Commercio per impedirne la compravendita. In corso, altre indagini per stanare i numerosi intestatari fittizi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

Torna su
SalernoToday è in caricamento