menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pasolini

Pasolini

Salerno Celebra Pier Paolo Pasolini: intitolato all'autore l'ex cinema Diana

Dino Pedriali ha scoperto la targa all'esterno dell'ex cinema Diana. Lo spazio, dunque, è stato dedicato a Pasolini: al suo interno è stato esposto il suo ritratto icona. Al via le iniziative

La nostra città celebra Pier Paolo Pasolini. E' stato intitolato alla sua memoria, infatti,  l'ex cinema Diana: la cerimonia si è svolta questa mattina nell’ambito dell’evento “Dino Pedriali (Pier Paolo Pasolini – Nostos: il ritorno) 1975 – 1999” e “La parola innamorata-Incontri sull’opera di Pier Pasolo Pasolini”, curate dall’associazione culturale Tempi Moderni.  Dino Pedriali ha scoperto la targa all’esterno dell’ex cinema Diana. Lo spazio, dunque, è stato dedicato a Pasolini: al suo interno è stato esposto il suo ritratto icona, opera generosamente donata dallo stesso Pedriali al Comune di Salerno. Presenti, il sindaco Vincenzo Napoli, l’assessore alla Cultura Ermanno Guerra e il rettore dell’Università, Aurelio Tommasetti. 

E da domani, 26 febbraio, fino al 16 marzo al via proiezioni, reading, talk, incontri per raccontare la vita e le opere di Pier Paolo Pasolin.  A Palazzo Fruscione così come in altri luoghi della città, si svolgeranno iniziative per omaggiare il celebre autore. In particolare, la  mostra fotografica “Dino Pedriali (Pier Paolo Pasolini - Nostos : Il ritorno) 1975 – 1999” propone un corpus di scatti dedicati a Pier Paolo Pasolini, realizzati da Dino Pedriali tra Chia e Sabaudia nel 1975, pochi giorni prima della sua scomparsa, e nel 1999, negli stessi luoghi, per rappresentare l’assenza del Poeta. “Dino fotografami nudo, mi hanno considerato scandaloso, questa volta sì che farò un’opera scandalosa. Quello che non si capisce con la parola si capirà con la fotografia”: con questa frase Pier Paolo Pasolini chiedeva a Dino Pedriali di fotografarlo, tra Sabaudia e Chia. L’allestimento è di grande rilievo, in quanto è stato studiato dal Maestro Pedriali in funzione delle caratteristiche architettoniche degli ambienti di Palazzo Fruscione. Nel periodo di durata della mostra sono previsti una ricca rassegna di eventi ed incontri didattici con le scuole e il mondo universitario. L’intero progetto è prodotto dall’associazione Tempi Moderni, sostenuto dal Comune di Salerno e dalla Fondazione CARISAL, con il patrocinio dell’Università degli Studi di Salerno. Con la mostra di Dino Pedriali, la città di Salerno torna a rivestire un ruolo centrale nel panorama dell’arte contemporanea, con eventi di livello internazionale, creando un fertile dialogo con le forze vive del territorio. La mostra che verrà inaugurata domani, sarà visitabile dalle ore 11 alle ore 20, fino al 16 marzo 2016, presso Palazzo Fruscione, a Salerno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento