Kosovo: il contingente italiano dona materiali alla comunità di Klina

Oggi, nell’ambito delle attività di cooperazione civile e militare in favore della popolazione locale, il contingente italiano del Multinational Battle Group West (MNBG-W), unità multinazionale a guida italiana su base 4ç reggiemtno carri di Persano, ha effettuato una donazione di materiale in favore della Chiesa cattolica di Klina.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Pec/Peja, 13 gennaio 2016. Oggi, nell’ambito delle attività di cooperazione civile e militare in favore della popolazione locale, il contingente italiano del  Multinational Battle Group West (MNBG-W), unità multinazionale a guida italiana, ha effettuato una donazione di materiale in favore della Chiesa cattolica di Klina, municipalità situata nella parte ovest del Kosovo.

Il Colonnello Salvatore Alessandro Sarcià, Comandante del MNBG-W attualmente su base 4° reggimento carri di Persano, ha consegnato a padre Martin Jetishi, parroco della Chiesa, due sedie a rotelle per altrettanti ragazzi disabili diKlina ed indumenti da destinare ai più bisognosi della locale comunità.

L’odierna donazione rientra in un più ampio programma di cooperazione civile e militare, portato avanti dal contingente italiano di stanza in Belo Polije, che vede coinvolte le autorità locali e le organizzazioni umanitarie operanti sul territorio con lo scopo di contribuire alla ricostruzione ed alla stabilizzazione dell’area.

La Chiesa di Klina accoglie una dellecomunità cattoliche più numerose del Kosovo e, svolge attività caritatevoli in favore degli strati sociali più deboli dell’area, indipendentemente dal loro credo religioso e/o dall’etnia di appartenenza.

La Chiesa, che era andata completamente distrutta durante il conflitto, grazie al pluriennale impegno ed al contributo dei contingenti italiani avvicendatisi nell’area, è ora interamente ricostruita ed attiva.

Torna su
SalernoToday è in caricamento