La Bcc di Aquara dona gli arredi alla Cri di Santa Cecilia di Eboli

La Bcc di Aquara ha donato gli arredi per la sede della Croce Rossa Italiana di Santa Cecilia di Eboli. Grazie all'attivismo del personale in servizio presso la  Filiale della Banca a Santa Cecilia, gli arredi sono stati presi presso l'ex sportello di Capaccio (Capo di Fiume) e regalati alla Cri. Annarita Longobardi, legale  rappresentante della Cri, ha ringraziato la Bcc di Aquara per la sua sensibilità e per dare atto della capacità di essere banca di comunità al servizio delle  istituzioni più deboli.

«Un grazie speciale va a Concetta Carrozza, direttrice della Filiale di Eboli Santa Cecilia, per l'attenzione dimostrata e per la celerità nel procurare gli arredi che  poi sono stati donati. Un plauso particolare a tutto il personale della filiale per la vicinanza e la disponibilità dimostrata in ogni occasione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Covid-19, contagiata una bimba di Pontecagnano

  • Covid-19: sette nuovi contagi in Campania, il bollettino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento