La buona novella del presepe multiculturale presso la Scuola di Campo Sportivo a Pontecagnano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Grande successo per il presepe multiculturale allestito presso Scuola primaria e dell’ infanzia di Campo Sportivo dell’Istituto Comprensivo di Pontecagnano Faiano . Dal 20 al 22 dicembre sono stati oltre 300 i visitatori della rappresentazione intitolata “Da Betlemme al mondo” promossa dagli insegnanti Gabriella Beatrice, Giuseppina Carriero, Cammarano Claudia, Ester Frasca, Angela Pica, Raffaella Pica ed Antonietta Scarpato, Annamaria Porriciello, Annalisa Vassallo, Giuliana Matarazzo e Gaetana Raimo guidati dalla Dirigente Scolastica Angelina Malangone con il coinvolgimento di 130 alunni.

Il presepe ha affidato ai colori la globalizzazione della buona novella: il bianco è per l’Europa e per il Papa; l'azzurro richiama l’Oceania e le innumerevoli isole sparse nelle azzurre acque di questo continente dove ci sono nazionalismi esasperati e dove si combattono guerre di religione; il verde è per l’Africa, le sue verdi foreste ed è il colore sacro ai musulmani. Un continente dove la vita esplode in tutte le sue meraviglie dove si compiono gli attentati più orribili; il giallo è per l’Asia, la terra del sol levante, la culla della civiltà; infine il colore rosso, per il continente americano che ebbe come primi abitanti i pellirossa. Un continente dalle grandi contraddizioni dove i grattacieli dicono l’ingegno dell’uomo dove la libertà troneggia sulle rive dell’oceano, dove la tecnologia è più avanzata, dove i bambini vivono e dormono sulla strada, dove nel fango delle favelas prolifera la disperazione del mondo e dove i diritti che si proclamano non sono rispettati.


 

Torna su
SalernoToday è in caricamento