menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nocera Inferiore, calciatore si risveglia dal coma. I genitori: "Medici straordinari"

La vicenda si sta risolvendo per il meglio, col giovane uscito dal coma che ha intrapreso il percorso riabilitativo. Il padre e la madre del ragazzo hanno inviato una missiva pubblica al sindaco Torquato

I genitori di un giovane calciatore, ricorverato dal mese scorso presso l'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, in seguito ad un incidente durante una partita di calcio, hanno scritto una lettera al sindaco della loro città,Manlio Torquato,  per ringraziare i medici e tutto il personale del nosocomio nocerino, dai quali hanno ricevuto prove di grande professionalità ed umanità.

“Nostro figlio Mario - scrivono i genitori del ragazzo - è stato ricoverato in stato di coma nel vostro ospedale dopo un gravissimo trauma cranico, verificatosi durante un incontro di calcio, la sua vera passione. Non ci soffermeremo sull’ansia e il terrore che ha investito noi familiari per oltre tre settimane, ma vorremmo qui pubblicamente ringraziare l’intero staff medico, il personale infermieristico, il personale Osa, e tanti altri che lavorano al reparto di rianimazione e al reparto di neurochirurgia dell’Ospedale Umberto Primo di Nocera Inferiore".

Di qui l'elogio: "Sono stati un esempio di dedizione, competenza e umanità: ciò che troppo spesso manca nelle strutture pubbliche o di cui troppo spesso siamo abituati o costretti a lamentarci. Con loro, invece, niente di cui lamentarsi e molto da lodare. A tutte le ore del giorno e della notte li abbiamo visti correre ed assistere i tanti pazienti ricoverati, spesso in condizioni criticissime, con professionalità. Sempre con il sorriso si avvicinano al letto egli ammalati e a i familiari, per dare loro informazioni".

"Ecco, anche se il ricovero di Mario ha rappresentato per noi un momento di vita terribile, dovuta all’apprensione per un futuro incerto , fa piacere saper che esiste un’altra Italia, che esistono percorse che con il loro lavoro ben fatto, hanno il merito, per quanto sia possibile, di alleviare i dolori di altri. Siamo convinti che il fatto che nostro figlio sia stato assistito bene, e con amore, abbia determinato il suo risveglio e lo aiuti nel processo di riabilitazione che ci apprestiamo ad affrontare. A noi genitori rimane - concludono i genitori di Mario - una percezione diversa e migliore del mondo. Grazie davvero di cuore all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore”.

La vicenda, dopo i primi giorni di paura e sofferenza, si sta risolvendo per il meglio, col giovane uscito dal coma che ha anche intrapreso il percorso riabilitativo. Nel passare integralmente ai mezzi di informazione la toccante missiva ricevuta (seppur nel rispetto della riservatezza dei dati sensibili), il primo cittadino Manlio Torquato sottolinea il suo pensiero sulla vicenda:
“Trovarsi di fronte ad una vicenda umanamente difficile, riportata peraltro in righe toccanti e commoventi e conclusasi per il meglio, grazie alle capacità e alle qualità umane, di ci induce ad una doppia riflessione. Da un lato ci ricorda quanto sia giusto diffondere le buone notizie, quando non portano con sé nulla di artefatto ma soltanto verità e buoni sentimenti. Dall’altro ci spinge a dare il giusto riconoscimento pubblico a persone che, anche a Nocera Inferiore, ogni giorno - conclude il sindaco -  lavorano per salvare la vita degli altri e fanno la differenza in un contesto, quello della Sanità, costretta a fare i conti con le ristrettezze economiche a tutti note”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

  • social

    Promozione culturale, pubblicato l'avviso della Regione Campania

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento