Lavori sulla strada provinciale 342, cittadini e sindaci in piazza: "Prigionieri da 8 anni"

Non è mancato chi si è incatenato per manifestare la propria ira per via dei lavori che sembrano non iniziare mai

Foto Fb

Scendono in campo, i cittadini di Sacco, per i lavori della strada provinciale  342. Mentre i tecnici, stamattina, eseguivano i sopralluoghi per verificare la segnaletica e riposizionare il blocco stradale, molti residenti hanno monitorato la situazione, accanto a due primi cittadini di Sacco, Franco Latempa, e Roscigno, Pino Palmieri, insieme pure ad amministratori di altri comuni.

L'auspicio

Non è mancato chi si è incatenato per manifestare la propria ira per via dei lavori che sembrano non iniziare mai. Auspicando una soluzione definitiva  per il costone roccioso e denunciando di essere "imprigionati da 8 anni”, dunque, i manifestanti hanno detto il loro "no" per la nuova chiusura del tratto, confidando in un intervento risolutivo da parte di Palazzo Sant'Agostino per ripristinare la strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ceraso e Montano Antilia: stop a eventi e chiusura dei negozi

  • Coronavirus: nuove indicazioni ministeriali in Campania, parlano i sindaci salernitani

  • "Non comunicano i loro rientri dal Nord": la denuncia dei salernitani e l'appello di un cittadino "autoisolato"

  • Malore per una ragazza asiatica a Salerno, tensione nei pressi del Vestuti

  • Coronavirus, De Luca ha deciso: "Scuole chiuse in Campania"

  • Allerta Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole: la mappa dei comuni

Torna su
SalernoToday è in caricamento