menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavori in ritardo sulla spiaggia di Santa Teresa: Celano attacca De Luca

Il consigliere comunale di Ncd: "Non sarà fruibile per l'intera estate, in quanto i lavori di manutenzione straordinaria verranno conclusi in data da definire. Salernitani penalizzati"

Duro attacco politico del consigliere comunale di Ncd Roberto Celano nei confronti del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca sui lavori che stanno coinvolgendo la spiaggia di Santa Teresa, che sarebbero dovuto terminare il 25 marzo scorso ma, a quanto pare, sono ancora in corso oppure fermi. "Nella città delle incompiute, delle grandi e piccole opere interminabili, non meraviglia di certo che la spiaggia di Santa Teresa non sarà fruibile per l’intera estate, in quanto i lavori di manutenzione straordinaria, verranno conclusi in data da definire" dice Celano.

Poi aggiunge: "Anche questa volta si è ricercato il responsabile, il “solito” nemico della città, reo di aver “rallentato” i lavori e causato “nocumento” alla comunità, un po’ come sovente accade ad una tifoseria particolarmente piagnucolona, che “scarica” l’incapacità della propria squadra su arbitri e sfortuna. Questa volta è toccato al Genio Civile, solite invettive, solita “musica”; l’ evidenza ha poi costretto il sindaco/assessore ai lavori pubblici ad una nuova imbarazzante marcia indietro. I ritardi, anche in questo caso, sono attribuibili al Comune. Si tratta dell’ennesimo errore progettuale, che non consentirà ai salernitani di fruire della spiaggia di santa Teresa e che graverà ancora sulle casse del Comune e sui tartassati contribuenti".

"Ed intanto a Matierno - prosegue il consigliere comunale di Ncd - si è ancora in attesa del completamento di una variante più volte inaugurata ma, a quanto pare, interminabile. Sarà anche in quel caso, come pare ai più, a causa di marchiani errori progettuali? Ma perché le incapacità di tecnici ed amministrazione devono ricadere sui poveri contribuenti? Come è possibile che la città della piazze “crollate”, delle rotatorie (via Irno) inutili e “dannose”, delle opere (grandi e piccole!) “interminabili”, dei mega condomini privati sequestrati in virtù di procedure quanto meno approssimative, delle “idee” progettuali (piazza Cavour, piazza Mazzini, ristorante teatro Verdi) bloccate e bocciate da Enti di Controllo e dalla giustizia amministrativa, non possa avere un assessore ai lavori pubblici serio, più concreto e meno fumoso, più capace e meno “parolaio” di chi attualmente - conclude Celano - indegnamente continua a custodire gelosamente la delega?".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento