Cronaca

Lavori alla stazione marittima, Celano interroga il sindaco sui posti auto

Celano vuole saperee se il sindaco intenda intervenire sulle autorità competenti per consentire ai dipendenti dell'Agenzia delle Dogane ed agli agenti della Guardia di Finanza di avere appositi spazi di parcheggio

Foto di Antonio Capuano

L'opposizione punta i riflettori puntati sui lavori alla stazione marittima di Salerno. Il consigliere comunale Roberto Celano, infatti, ha presentato un'interrogazione all'amministrazione, per sapere se il sindaco e intenda intervenire sulle autorità competenti per consentire ai dipendenti dell'Agenzia delle Dogane ed agli agenti della Guardia di Finanza di avere appositi spazi di parcheggio nelle zone limitrofe al luogo di lavoro, evitando così i disagi causati dai lavori in corso. E, ancora, "se si ritiene di chiedere alle autorità proposte un controllo dettagliato sui permessi rilasciati per parcheggiare all'interno dell'area portuale, atteso che, sembrerebbe, che siano autorizzati autoveicoli appartamenti a persone che non avrebbero necessità alcuna, ne' titolo, per accedere liberamente nell'area", si legge nella nota di Celano.

Le precisazioni e i dubbi del consigliere

I lavori che si stanno realizzando nell'area della Stazione Marittima hanno reso necessaria la temporanea eliminazione di posti auto precedentemente destinati ai dipendenti dell'Agenzia delle Dogane e agli agenti della Guardia di Finanza: i suddetti lavoratori hanno difficoltà enormi a raggiungere il posto di lavoro con i propri autoveicoli, non riuscendo facilmente a trovare parcheggio in zona.

Sembrerebbe che all'interno dell'area portuale, siano state autorizzate a parcheggiare veicoli di proprietà di individui che non hanno particolari esigenze lavorative e che, invero, hanno ottenuto specifici permessi rilasciati con criteri ignoti e poco comprensibili.

               

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori alla stazione marittima, Celano interroga il sindaco sui posti auto

SalernoToday è in caricamento