Le scuole di salerno e d'italia scrivono a Papa Francesco e saranno ricevute in Vaticano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Il Santo Padre riceverà in udienza 1105 alunni provenienti da tutt'Italia

Milano, febbraio 2014 - Sono 525 le lettere che gli alunni delle scuole primarie, una classe per ogni Regione Italiana, hanno indirizzato a Papa Francesco nell'ambito della collana editoriale "Caro Papa ti Scrivo…" dell'associazione Cultura&Solidarietà di Milano. Le lettere sono raccolte in un volume che il 14 maggio sarà consegnato al Pontefice che ha deciso di incontrare direttamente i ragazzi per rispondere alle loro domande.
Da Aosta alla Sicilia destinazione San Pietro - È stato accolto con grande entusiasmo quest'ultima iniziativa di Cultura&Solidarietà, associazione che ha già coinvolto il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio ed il Sindaco di Milano, Pisapia, in progetti editoriali che avvicinano i bambini al mondo delle istituzioni. Così quest'ultimo lavoro ha coinvolto le scuole di tutto lo stivale, una per regione, dalla Valle d'Aosta a Lampedusa. Per la Campania ha partecipato la scuola di Salerno, Istituto Comprensivo "Salerno Torrione Alto".
Le lettere - Non è sfuggito ai ragazzi il calore e la semplicità trasmessi dal Pontefice argentino. Tanto che molti dei ragazzi scrivono al Papa definendolo "Caro Amico", e gli indirizzano pensieri e domande a volte sorprendenti. C'è chi si preoccupa per la propria famiglia e chiede di pregare, chi comprende le difficoltà legate al magistero papale ("quali sono le tue preoccupazioni?" e ancora "per fare queste cose avresti bisogno di una bacchetta magica"), chi si complimenta ed esprime apprezzamenti ("Lei è una persona Santa, l'ho capito quando ha rifiutato la croce d'oro per quella d'argento"). Non mancano poi le curiosità ("quale squadra tifi?" e ancora "hai la TV?" o "hai mai incontrato Dio?") e le incursioni nel mondo del sociale ("ti prego occupati dei poveri e degli ammalati" e "secondo me quando mio papà dice le parolacce a Gesù dispiace").
"Ancora una volta - hanno dichiarato Francesco Vivacqua, Presidente e Nadia Mazzon direttore generale di Cultura&Solidarietà - siamo riusciti a creare uno speciale ponte fra il mondo dei ragazzi e quello degli adulti. Anche in questa circostanza i ragazzi dimostrano una franchezza e una lucidità disarmante: problemi e preoccupazioni sono sempre espressi senza troppi giri di parole. Quello che emerge, poi, è un affetto inusuale nei confronti di questo Papa ritenuto speciale e poco sacrale. La sua figura umile, umana e generosa infonde una grande fiducia nei giovani".
La prefazione al volume è stata curata dal Prof. Fulvio Scaparro.
Il 14 maggio 2014 in un incontro con il Papa molte delle domande troveranno una risposta.
Dal Cav. Attilio De Lisa di Sanza (Sa) quale componente (in rappresentanza dei Genitori) del Consiglio d'Istituto e Giunta Esecutiva dell'Istituto Comprensivo di Buonabitacolo e Sanza che è presieduto dal Dirigente Scolastico Prof. Francesco Vitale e componente del Consiglio d'Istituto dell'Istituto d'Istruzione Superiore "Carlo Pisacane" di Sapri che è presieduto dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Franca Principe.

Torna su
SalernoToday è in caricamento