Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Scontro Lanzara-Spina, il monito di Legambiente: "Maggioranza e opposizione si occupino di Puc e ripascimento"

Il Circolo Legambiente Occhi Verdi, guidato da Giancarla Del Mese, precisa la sua posizione dopo la revoca delle deleghe all'ex assessore all'ambiente da parte del sindaco

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

A seguito delle numerose, inopportune e inadeguate menzioni della nostra Associazione, pronunciate in occasione del recente Consiglio Comunale, e strettamente collegate alla revoca dell'Assessore all'Ambiente Carmine Spina, al quale ci lega un rapporto di amicizia, nata e consolidatasi in anni di comune impegno ambientalista; ci preme rammentare che la nostra quotidiana azione è semplicemente quella di sollecitare i cittadini e le istituzioni ad operare secondo criteri e valori che realizzano la corretta convivenza civile fra le persone anche attraverso il rispetto dell'ambiente, della natura, della democrazia, dei diritti e della libertà. Legambiente per scelta statutaria è scevra da pregiudizi ideologici e di parte, non si rivolge mai ai singoli ma alle compagini amministrative che sono responsabili politicamente e in solido della tutela e dello sviluppo futuro delle Comunità coinvolte. Fatte queste precisazioni cogliamo l'occasione per sollecitare l'attuale Assise Comunale (tutti: maggioranza e opposizione!) ad adoperarsi con maggiore serietà sugli obiettivi importanti per Pontecagnano Faiano che a tutt'oggi, ovvero dopo ben 3 lunghi anni dall'insediamento amministrativo, sono ancora in attesa di atti definitivi e concreti. Ci riferiamo in particolare: 

  • All'approvazione del Piano Urbanistico Comunale (P.U.C.) per generare la migliore evoluzione urbanistica, sociale, ambientale, culturale ed economica del nostro Comune. Alla valorizzazione del Museo e del Parco Ecoarcheologico, noti incubatori culturali e ambientali del territorio. All'incremento del verde pubblico su tutto il territorio comunale attraverso la realizzazione dei previsti 3 Parchi Urbani (lungo il Picentino, a S. Antonio e alle 7 bocche di Faiano). Alla definizione dell'Eco-Distretto dei Picentini che dovrà garantire alla comunità minori  costi, salubrità e tutela ambientale attraverso una corretta gestione. 
  • • Al ripascimento per la difesa e la valorizzazione del nostro litorale marino che, con le azioni previste, potrebbe subire danni disastrosi e irreparabili. Alla eco-compatibilità delle infrastrutture per l'Aeroporto e la Metropolitana. Alla valorizzazione "non edilizia” del Centro A. A. I. che, attraverso una opportuna riconversione, potrebbe diventare un luogo per eventi fieristici dell'intera provincia di  Salerno. Sono temi molto complessi che bisogna interpretare e gestire con estrema attenzione e pluralità di visioni per garantire "il migliore lascito" alle future generazioni di Pontecagnano Faiano. È necessario pertanto attivare, da subito, un'ampia discussione che veda coinvolti l'Amministrazione Comunale, i liberi cittadini, le associazioni di categoria (industria, commercio, artigianato), le organizzazioni professionali, le rappresentanze sindacali, i partiti politici, le associazioni socio-culturali e quelle ambientali, la scuola, le parrocchie, ecc......; affinchè tutti insieme possiamo decidere ciò che è meglio per la nostra Comunità! NOI CI SIAMO! 

Circolo Legambiente Occhi Verdi 

Pontecagnano Faiano 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro Lanzara-Spina, il monito di Legambiente: "Maggioranza e opposizione si occupino di Puc e ripascimento"

SalernoToday è in caricamento