rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Cronaca

Pedane sequestrate ai balneatori, scoppia la bufera: "Chiederemo i danni al Comune"

La polizia municipale di Salerno la guardia di finanza hanno sequestrato alcune pedane sugli arenili dati in concessione per la stagione balneare 2022 dal Comune

La polizia municipale di Salerno la guardia di finanza hanno sequestrato alcune pedane sugli arenili dati in concessione per la stagione balneare 2022. Le pedane, secondo quanto riportato da Anva Confesercenti, rientravano nello spazio dato in concessione dal Comune di Salerno "e così come previsto dal disciplinare". 

La polemica

"Il Comune di Salerno - spiega Aniello Petrofesa di Anva Confesercenti - nel disciplinare per l'affidamento dei servizi pubblici su tratti di arenili liberi non in concessione per la stagione balneare 2022, allegata le planimetrie per una superficie occupata di 40mq, e dove all'art. 6 il comune avrebbe installato un chiosco e bagni chimici, salvo poi scoprire dopo i pagamenti effettuati, che il chiosco non era a copertura di 40mq ma solo di 12mq ed i bagni posizionati distanti per problemi logistici e di pulizia. I concessionari hanno richiesto, verbalmente che fosse coperta l'intera superficie di 40mq con una pedana al fine di consentire il posizionamento del chioschetto, dei bagni ed il ricovero delle strutture balneari da fittare, cosa che è stata fatta alla stipula del contratto con allegata la planimetria indicante la superficie dei 40mq . Stranamente, pur avendo rappresentato il tutto ed avendo acquisito anche il contratto stipulato tra il Comune e la Capitaneria dove di autorizza la superficie di 40mq con strutture amovibili, la situazione non è cambiata, il sequestro c'è stato".

"Chiederemo i danni"

"A questo punto- aggiunge Pietrofesa - gli operatori colpiti da questo strano sequestro agiranno per vie legali in tutte le sedi a tutela della loro impresa e per far prevalere le loro ragioni, se il Comune entro pochi giorni non darà ampie garanzie di rispettare il contratto stipulato e garantire la superficie dei 40mq (la pedana e stata fatta a carico degli operatori al di fuori dei soldi già versati al Comune) lunedì chiuderanno i chioschetto e riconsegneranno il tutto al Comune con una richiesta di risarcimento danni".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedane sequestrate ai balneatori, scoppia la bufera: "Chiederemo i danni al Comune"

SalernoToday è in caricamento