Cronaca

Maestra di Buccino vince il ricorso contro il Miur: potrà insegnare al Sud

L'insegnante salernitana era stata spedita, lo scorso mese di settembre, in provincia di Pavia. Ma grazie al ricorso presentato contro il Ministero dell'Istruzione tornerà in Basilicata

Un’altra insegnante salernitana vince il ricorso contro il trasferimento nelle città del Nord Italia: Concetta Nitto, 40 anni, originaria di Buccino. Lo scorso mese di settembre, con la riforma della “Buona Scuola”, il Ministero dell’Istruzione stabilisce il suo trasferimento in un comune della provincia di Pavia. Tutto ha inizio – racconta La Città - quando l’insegnante a sceglie gli ambiti territoriali scolastici introdotti dalle liste di mobilità che prevedono l’individuazione delle scuole da parte dei docenti, secondo dei criteri di preferenza. Lei opta per la Basilicata, ma il Ministero nell’applicare la normativa di assegnazione delle sedi scolastiche, attraverso l’utilizzo di un algoritmo matematico e dei criteri non specificati nella normativa, manda la donna in una scuola in provincia di Pavia con 18 punti in graduatoria. Un punteggio più alto rispetto ai colleghi assegnatari in Basilicata. Un fatto anomalo che insospettisce subito la diretta interessata.

La vicenda finisce in tribunale. L’insegnate presenta ricorso contro il Ministero dell’Istruzione, vincendolo. Il giudice del lavoro del Tribunale di Pavia, Donatella Oneto, ha accolto le istanze dell’insegnate salernitana, trasferendola nelle sede scolastica scelta a Potenza e condannando il Miur al pagamento delle spese legali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maestra di Buccino vince il ricorso contro il Miur: potrà insegnare al Sud

SalernoToday è in caricamento