Maltempo, ingenti i danni a Salerno e provincia: Costiera spezzata in due

Frane, caduta di alberi ed esondazioni di corsi d’acqua stanno mettendo in ginocchio il territorio salernitano. Numerose le strade chiuse al traffico, i politici chiedono l'intervento del Governo per lo "stato di calamità"

La frana a Salerno (località Ogliara)

Dalla Costiera Amalfitana a Salerno, dall’Agro Nocerino al Cilento, dai Picentini alla Piana del Sele, il bilancio dell’ondata di maltempo delle ultime 48 ore è pesantissimo. Frane, caduta di alberi ed esondazioni di corsi d’acqua hanno causato danni ingenti e bloccato, in diverse zone della provincia di Salerno, la circolazione lungo importanti strade di collegamento, isolando migliaia di persone per ore e costringendo altre a lasciare la propria abitazione.

A Salerno

I primi danni si sono verificati nel capoluogo con la caduta di numerosi alberi in via Palestro, via Vinciprova, via Vernieri e, in serata, anche lungo la strada che conduce ad Ogliara con centinaia di famiglie rimaste isolate. In via Aurelio Nicolodi, invece, una guaina si è staccata dal tetto di un palazzo finendo in strada. A terra e sopra diverse auto in sosta sono finiti anche i calcinacci di un cornicione. In mattinata si è tenuta una rione del Coc al Comune, presieduta dal sindaco Vincenzo Napoli, per fare il punto della situazione. L’attenzione resta alta ma è tenuta sotto controllo. Intanto alcuni abitanti di Viale dei Pioppi hanno inviato una richiesta di aiuto proprio al primo cittadino.

In Costiera Amalfitana

L’ennesima frana si è verificata, in mattina, in località Vettica di Amalfi. La SS163 è stata invasa dal terreno franato da un terrazzamento. Al momento, dunque, Amalfi è raggiungibile solo attraversando il valico di Chiunzi, mentre Positano solo dalla statale Sorrentina o via Agerola. Numerose le reazioni da parte dei parlamentari salernitani sia di centrodestra che di centrosinistra che hanno chiesto lo stato di calamità per la Divina. Nel pomeriggio tappa tra Vietri sul Mare e Cetara per il governatore della Campania Vincenzo De Luca, al quale l’Anci Campania ha chiesto di intervenire subito. Presenterà, invece, un esposto contro l’amministrazione regionale, invece, il Codacons con l’accusa di “abuso d’ufficio”.

Nei comuni della provincia

A Sarno, nel cuore della notte, sono state evacuate cinque famiglie residenti nella zona compresa tra Via Nunziante e il complesso multifunzionale "Saretto Eventi" a causa del distacco di un lastrone di breccia cementato. Piena emergenza anche a Scafati e precisamente in via Lo Porto, altezza “Occhio di Bue”, che risulta completamente allagata; molte strade sono rimaste al buio e il fiume Sarno è a rischio esondazione. Criticità anche a Pagani e Sant'Egidio del Monte Albino. Danni per il maltempo anche nella Piana del Sele, nel Vallo di Diano, Golfo di Policastro e Cilento. Nel pomeriggio in via Roma, a Battipaglia, il vento ha spazzato via il tetto di Palazzo Galdi che si è riversato sugli isolati accanto. Per fortuna non risultano feriti. La scorsa notte, invece, si sono registrati forti temporali accompagnati da violente raffiche di vento con decine di alberi caduti, tetti di abitazioni scoperchiati, allagamenti di arterie stradali e smottamenti di terreni. Nel Vallo di Diano la situazione più critica si registra a San Pietro al Tanagro sulla strada provinciale che porta a Teggiano invasa da acqua e fango, danneggiato anche il campanile. A Sala Consilina, alla frazione Trinità, un grosso albero è caduto dinanzi al piazzale della chiesa distruggendo tre automobili. Fortunatamente non ci sono feriti. A Sapri, nel Golfo di Policastro, a seguito di una grossa mareggiata abbattutasi sul lungomare, sono state annullate tutte le manifestazioni natalizie in programma per la giornata di oggi. Anche a Villammare, in località Le Piane, si sono registrati diversi allagamenti. Nel Cilento criticità ci sono a Centola dove nella frazione Palinuro il fiume Lambro ha rotto gli argini allagando i piani terreni di alcune abitazioni ed esercizi commerciali. A Gioi Cilento sulla strada di località Pantana ci sono smottamenti in più punti che causano difficoltà alla circolazione veicolare. A Sessa Cilento la notte scorsa c’è stata l'interruzione di energia elettrica per il danneggiamento di alcuni tralicci. Cimiteri chiusi in diversi comuni come Baronissi e Cava. Disagi anche sulla litoranea di Pontecagnano e a Faiano, dov'è mancata l'erogazione idrica per diverse ore.

Nuova allerta meteo

Le strade chiuse nel Salernitano

Primo bilancio dei danni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

Torna su
SalernoToday è in caricamento