Maltrattava caprini e ovini provenienti dal Salernitano: denunciato 50enne avellinese

Nel corso delle verifiche, inoltre, è emerso che svariati capi non erano correttamente identificati in quanto alcuni di essi recavano addirittura un identico marchio di identificazione

Ricettazione e maltrattamento di animali. Questi sono i reati di cui è accusato un 50enne di Gesualdo (Avellino) che, nella giornata di oggi, è stato denunciato dai carabinieri della Stazione Forestale di Volturara Irpina. L’indagine è stata condotta insieme al Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale del Gruppo Forestale di Avellino.

I dettagli

I militari hanno scoperto che il 50enne trasportava con un autocarro 40 capi di ovini e caprini, provenienti da tre diversi allevamenti (due della provincia di Salerno ed uno dell’alta Irpinia) e diretti ad un macello di Sperone, in condizioni “non compatibili con la loro natura nonché causa di gravi sofferenze, anche in forma di lesioni, sia per l’eccessiva densità di carico sia per il tempo di permanenza sul mezzo di trasporto”. Nel corso delle verifiche, inoltre, è emerso che svariati capi non erano correttamente identificati: alcuni di essi recavano addirittura un identico marchio di identificazione. Per questo, a carico del 50enne, oltre alla sanzione amministrativa per un importo di 5mila euro, è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Avellino, mentre gli animali sono stati posti sotto sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

Torna su
SalernoToday è in caricamento