menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine dei maltrattamenti

Immagine dei maltrattamenti

Maltrattavano pazienti disabili: arrestati 7 dipendenti di una casa di cura a Nocera

Ad eseguire un'ordinanza di custodia cautelare sono stati i carabinieri di Nocera Inferiore su disposizione della Procura

Orrore a Nocera Inferiore. Sette dipendenti della casa di cura Villa dei Fiori sono accusati di maltrattamenti ai danni degli ospiti della struttura, tutti diversamente abili. Le persone coinvolte sono L.S. del '77 residente a Roccapiemonte. V. P. dell'84 residente a Roccapiemonte, S.P. del '58 residente a Nocera Inferiore, G. D. dell'83 residente a Nocera Inferiore, G. P. dell'84 residente a Roccapiemonte, A. F. del '65 residente a Pagani e G. G. dell'83 di Roccapiemonte.

I carabinieri del locale Gruppo Territoriale, guidati dal maggiore Calandro e coordinati dal capitano Avagnale, hanno scoperto l'accaduto: i pazienti quasi tutti con problemi psichici sarebbero stati legati, spintonati con violenza e costretti a stare in posizioni scomode per diverso tempo. Ad incastrare i colpevoli, per fortuna, le telecamere nascoste e intercettazioni ambientali. I dipendenti arrestati avrebbero sistematicamente preso a pugni e schiaffi alcuni pazienti anche durante il trasporto nei pulmini che li conducevano dalla casa di cura alle loro abitazioni. Le violenze fisiche sarebbero state usate per riportare alla calma persone che non sono in grado di difendersi. La procura di Nocera Inferiore da qualche mese aveva aperto un’indagine. Choc nella comunità per l'agghiacciante scoperta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento