Disastro di Rigopiano, la madre di Stefano inizia lo sciopero della fame

Chiede giustizia Maria Perilli, la mamma di Stefano Feniello, il 28enne originario di Valva, morto sotto le macerie dell’hotel Rigopiano di Farindola, il 18 gennaio scorso

Stefano con la fidanzata

Ha iniziato lo sciopero della fame per chiedere giustizia, Maria Perilli, la mamma di Stefano Feniello, il 28enne originario di Valva, morto sotto le macerie dell’hotel Rigopiano di Farindola, il 18 gennaio scorso. La madre di Stefano chiede le dimissioni delle Istituzioni ritenute responsabili del disastro di Rigopiano. Il dito è puntato contro chi governa nella Regione Abruzzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli indagati

Intanto, la Procura di Pescara ha aperto un fascicolo d’inchiesta per omicidio plurimo colposo e disastro colposo, iscrivendo nella lista degli indagati 6 persone, tra cui il sindaco di Farindola e il presidente della Provincia di Pescara.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

Torna su
SalernoToday è in caricamento