Sicurezza, anche la Polizia di Salerno in piazza a Roma: "Servitori ma non servi"

Durante la manifestazione sono intervenuti esponenti politici che hanno voluto rappresentare la loro vicinanza alle forze dell'ordine e rimarcare la necessità di interventi normativi che consentano agli operatori del comparto di lavorare in sicurezza

Anche una delegazione della FSP Polizia di Stato, appartenente alla segreteria provinciale di Salerno, si è recata oggi a Roma per partecipare alla manifestazione nazionale indetta da alcune sigle sindacali del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico. Durante la manifestazione sono intervenuti diversi esponenti politici nazionali che hanno voluto rappresentare la loro vicinanza alle forze dell'ordine e rimarcare la necessità di interventi normativi che consentano agli operatori del comparto di lavorare in sicurezza ed all'interno di un quadro normativo ben definito. Da qui il titolo della manifestazione "Servitori, non servi". Sono intervenuti durante la manifestazione, oltre all'ex Ministro dell'Interno Matteo Salvini, i senatori Maurizio Gasparri e Antonio Tajani ed il Vice Presidente della Camera Fabio Rampelli.

La protesta 

Per la Fsp Polizia di Stato, sul palco di Piazza del Popolo è intervenuto intervenuto il segretario generale Valter Mazzetti: "Non troverete un solo operatore in divisa sereno in tutta Italia. Tentare di far passare per un pigolio l'urlo che si leva da questa piazza, fingere che i nostri appelli siano solo temi da opposizione di governo è sciocco, è controproducente, è da bugiardi. Non siamo qui contro qualcuno, siamo qui per qualcosa, per richiamare l'attenzione su temi troppo sottovalutati''.  L'urlo di cui ha parlato il segretario generale della Federazione nazionale della Polizia di Stato dal palco di piazza del Popolo, a Roma, è quello di migliaia di lavoratori del comparto Sicurezza, accorsi da tutta Italia rispondendo alla chiamata dei rappresentanti sindacali di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di finanza, Polizia penitenziaria, Vigili del fuoco, Polizia municipale, per partecipare alla manifestazione nazionale “Basta aggressioni agli uomini in divisa”. In una piazza gremita, sia pur nei limiti dei numeri imposti dalle restrizioni relative all'emergenza covid, Mazzetti ha detto ''Basta alle aggressioni contro gli appartenenti alle Forze dell’Ordine basta a un sistema in cui dominano un'ipocrisia e un attendismo che la sicurezza pubblica e degli operatori non ammettono. Un sistema che non tutela chi veste l'uniforme da aggressioni fisiche, psicologiche, legali, giudiziarie, economiche, da carenze che le rendono possibili, da un lassismo che le rende ammissibili. Aggressione è non poter svolgere il proprio lavoro nella maniera più sicura, con organici e con mezzi adeguati, contando sul rispetto che è dovuto a chi compie sacrifici unici. Aggressione è abusare del nostro lavoro lasciando sulle nostre spalle il peso di problemi che non ci competono, ma sono il frutto di politiche inadeguate che non si è capaci di gestire se non facendo diventare tutto un problema di ordine pubblico. Aggressione è pretendere che garantiamo la sicurezza del paese senza poter contare neppure su un contratto che ci assicuri uno stipendio e una pensione dignitosi. E' ora di dire basta a troppe 'aggressioni', non troverete un solo operatore in divisa in tutta Italia che non sia sfiancato e avvilito e stufo, e oggi gridiamo il nostro dissenso perché siamo servitori, ma non servi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

Torna su
SalernoToday è in caricamento