menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tumore alla tiroide: il professor Vitale dell'Unisa scopre come curarlo

Nuova importante scoperta che apre nuovi orizzonti e prospettive per la cura del tumore della tiroide, e non solo, è stata realizzata dall’equipe diretta dal professor Mario Vitale, presso l’Università di Salerno

Nuova importante scoperta che apre nuovi orizzonti e prospettive per la cura del tumore della tiroide, e non solo, è stata  realizzata dall’equipe diretta dal professor Mario Vitale, presso l’Università di Salerno. Tale ricerca, pubblicata sull’ultimo numero di Clinical Cancer Research, una delle più prestigiose riviste scientifiche del campo, ha individuato un nuovo bersaglio per la terapia del tumore della tiroide, ma che è potenzialmente utilizzabile anche in altri tumori.

"Si tratta di un enzima conosciuto per il suo ruolo nel cervello, ma che se bloccato, arresta la crescita delle cellule tumorali. La Natura tende all’economia e spesso usa le stesse molecole per funzioni completamente diverse. Così, questo enzima abbondante nel cervello e coinvolto nei meccanismi della memoria, ha anche un ruolo completamente diverso in cellule di altri organi", fanno sapere dall'Unisa. Circa 10 anni fa, il professor Vitale iniziò a studiare questo enzima nella tiroide, scoprendo il suo nuovo ruolo: da quella scoperta, ora, un nuovo importante risultato. Un farmaco che blocca questo enzima è in grado di arrestare la crescita delle cellule di tumore tiroideo, ma è possibile che questo risultato possa essere applicato anche ad altri tumori.

"Il tumore tiroideo è il più frequente tumore endocrino e la sua incidenza è in progressivo aumento raddoppiandosi negli ultimi 10 anni. Non si conosce il perché di questo incredibile aumento della malattia, anche se il principale indiziato è l’inquinamento ambientale. Per fortuna, la maggior parte di questi tumori è guaribile se diagnosticato in tempo. L’Università di Salerno e l’Azienda Ospedaliera Universitaria S. Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona hanno messo in campo le migliori risorse per affrontare questa emergenza sanitaria - continuano dall'Unisa -  Il Day Service di Patologia Tiroidea, attivo ormai da più di un anno, è il primo centro di questo tipo nella regione Campania, dove la ricerca e la cura del paziente si coniugano in un unico obiettivo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento