Area mercatale a Salerno, le foto del degrado: protestano i cittadini

"Tutti i giorni è la stessa storia. Basta, non ne possiamo più". I cittadini protestano e le immagini sono eloquenti. Occorre un intervento immediato dell'amministrazione comunale

"Tutti i giorni è la stessa storia. Basta, non ne possiamo più". I cittadini protestano e le immagini sono eloquenti. Occorre un intervento immediato dell'amministrazione comunale nelle aree mercatali e da Palazzo di Città, attraverso l'assessore al commercio, Dario Loffredo, e il sindaco, Vincenzo Napoli, hanno già annunciato, contrasto e lotta serrata al disordine e alla inciviltà.

I dettagli

Le foto realizzate da Guglielmo Gambardella documentano, però, un disagio giornaliero. Ci sono frutta e verdura ammassate in cassette e lasciate sull'asfalto a fine giornata, nella migliore delle ipotesi. E' l'immagine più decorosa: i prodotti ortofrutticoli in molti casi diventano rifiuti e "alimentano" una discarica a cielo aperto, come si evince dalle immagini. "Le aree dei mercati rionali devono essere lasciate pulite ed è necessario che tutti gli operatori eseguano con scrupolo la raccolta differenziata dei rifiuti", ha precisato l'amministrazione comunale attraverso una nota stampa, indirizzando una diffida a tutti i venditori ambulanti impegnati nelle aree mercatali di Salerno. Il disordine, però, alimenta la protesta dei residenti.

Aree mercatali nel degrado: la diffida

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

Torna su
SalernoToday è in caricamento